Wayne Rooney nella leggenda Wayne Rooney nella leggenda
Tra le tante partite in programma in questo sabato di Premier League c’era anche Stoke City-Manchester United, una partita all’apparenza come le altre, per... Wayne Rooney nella leggenda

Tra le tante partite in programma in questo sabato di Premier League c’era anche Stoke City-Manchester United, una partita all’apparenza come le altre, per tanti ma non per tutti. Sicuramente non per Wayne Rooney che segnando un gol avrebbe superato il record di Bobby Charlton diventando il miglior marcatore di sempre nella storia dello United.

Josè Mourinho, che sicuramente sapeva di questo fatto, ha comunque preferito farlo partire dalla panchina, come ormai di consuetudine in questi ultimi tempi, preferendogli Mata e Mikhitaryan ad affiancare l’inamovibile Zlatan Ibrahimovic.

La partita si è messa subito male per i Red Devils, costretti ad inseguire dopo lo svantaggio iniziale arrivato a causa di un autorete di Juan Mata.  Proprio il centrocampista spagnolo, al 67 minuto, ha lasciato il posto a Wayne Rooney.

Passano i minuti ma lo United non riesce ad agguantare il pareggio fino al 90′ , quando viene fischiata una punizione all’altezza del vertice dell’area di rigore. Sul punto di battuta si presenta Rooney, e chi se no? Conta i passi, cerca di non pensare ai miliardi di pensieri che affollano la sua mente. Ancora un gol, soltanto uno, ed entrerebbe di diritto nella leggenda.

La parabola è perfetta, il destro teso e preciso si infila nell’angolino alto dove il portiere non può proprio arrivare. Wayne Rooney ce l’ha fatta, ora è la sù in cima, da solo, con i suoi 250 gol, che guarda tutti dall’alto verso il basso.