Non è un bel periodo per il Manchester United di Josè Mourinho: nel giro di una settimana la squadra allenata dal portoghese ha perso...

Non è un bel periodo per il Manchester United di Josè Mourinho: nel giro di una settimana la squadra allenata dal portoghese ha perso per ben 3 volte, contro Manchester City, Feyenoord e oggi, ultima, contro il Watford di Walter Mazzarri, una sconfitta per 3-1 che ha fatto molto male.

E proprio a proposito della gara contro il Watford, ha fatto discutere l’azione del vantaggio del Watford firmato da Capoue, con Martial atterrato tra le proteste (forse legittime) del Manchester United poco prima che il pallone giungesse al giocatore della squadra londinese.

A fine partita, dopo la sconfitta (arrivata dopo i gol di Zuniga e Deeney su rigore) Josè Mourinho si è presentato ai microfoni della sala stampa visibilmente imbronciato, e il tecnico portoghese sembra aver trovato i colpevoli di questa sconfitta (ma non solo, evidentemente).

“Non voglio creare polemiche, credo che quanto accaduto sia evidente così come era stato evidente una settimana fa contro il Manchester City. E’ un qualcosa che non possiamo controllare. Gli arbitri e i guardialinee non sono sotto il mio controllo, non posso farci nulla.”

Queste le dichiarazioni di Mourinho, che ora è sulla graticola (insieme a un Paul Pogba giudicato ancora anonimo da critica e tifosi) ed è chiamato immediatamente a rispondere con i fatti a questa tragica settimana. In ogni caso, la polemica è sempre stata nel suo sangue. Chissà cosa succederà nei prossimi giorni…