Vorrei vivere come lo Stoke. Arroccato, brutto, inguardabile, senza badare a nulla. Piccolo tra i grandi, consapevole che, per sopravvivere a questo schifo di...

Vorrei vivere come lo Stoke.

Arroccato, brutto, inguardabile, senza badare a nulla. Piccolo tra i grandi, consapevole che, per sopravvivere a questo schifo di mondo, bisogna saper accettare i propri limiti.

Vorrei vivere come lo Stoke.

Saper soffrire, saper capire quando è il momento di incassare i colpi. Quasi sempre cioè. Poi, all’improvviso, buttarla dentro e fare goal. In qualche modo. Spesso per pareggiare, poche volte per vincere. Che tanto è meglio impararlo da subito che su questa terra sono più quelli che pareggiano che quelli che vincono, e quindi un punto sicuro è meglio che tre probabili.

Vorrei vivere come lo Stoke.

Perchè sarà pure bello sognare di essere i migliori, ma vuoi mettere con la soddisfazione di essere te stesso e non dover dar conto a nessuno? E poi, diciamocela tutta. Non è che c’è posto per tutti quelli che vogliono diventare i migliori a questo mondo. Bisogna sapersi accontentare.

Vorrei vivere come lo Stoke.

Farcela, in qualche modo. In mischia, di tibia, a occhi chiusi, con un rimpallo, in fuorigioco, con la mano, dopo aver spintonato il mio marcatore, dopo aver arrabattato qualcosa. Che ci hanno insegnato che di questi tempi, bisogna prendere quello che capita, e allora un gol di Shawcross in mischia, di rimpallo, orrendo, lo sapete quanto vale? Si, esattamente quanto una rovesciata di Leo Messi con triplo avvitamento carpiato. Uno, per la precisione.

Vorrei vivere come lo Stoke.

Senza concessioni alla bellezza, senza divagazioni sul tema, senza inutili orpelli. Spazzarla via in tribuna senza fronzoli, senza perder tempo, che chi si ferma è perduto. E noi, a perdere non ci stiamo proprio. Forse nemmeno a vincere.

Forse sarà vile, ma io vorrei vivere come lo Stoke. Che a sognare sono buoni tutti, ma è meglio imparare presto a fare i conti con la realtà, prima che lei ci presenti il conto.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *