Una tragedia improvvisa ha colpito il mondo del calcio, e in particolare quello sudamericano: l’aereo che trasportava la squadra brasiliana della Chapecoense si è...

Una tragedia improvvisa ha colpito il mondo del calcio, e in particolare quello sudamericano: l’aereo che trasportava la squadra brasiliana della Chapecoense si è infatti schiantato al suolo, nel tentativo di effettuare un atterraggio d’emergenza, nei dintorni di Medellin. Il fatto è successo intorno alle 10 ora locale, le 4 del mattino in Italia.

Ci sarebbero dei sopravvissuti, ma l’aereo trasportava 81 persone, tra membri della squadra, giornalisti ed equipaggio del velivolo. Al momento in cui scriviamo sono 25 i cadaveri recuperati e 5 sopravvissuti trasportati in ospedale, mentre non si hanno ancora notizie degli altri passeggeri. Un vero e proprio disastro che si è abbattuto sulla squadra brasiliana.

La Chapecoense si stava recando in Colombia per disputare la partita di andata della finale della Copa Sudamericana, contro l’Atletico Nacional di Medellin, che era in programma mercoledì: partita ovviamente rinviata e competizione che potrebbe anche, secondo le ultime voci, venire definitivamente sospesa.

L’aereo che trasportava i ragazzi della Chapecoense aveva segnalato dei problemi elettrici prima di sparire dai radar, ma le prime incredibili ipotesi, più che di un guasto, parlano addirittura di carburante esaurito: qualcosa che, se confermato, avrebbe proprio dell’incredibile.

Le operazioni di recupero, tra i rottami dell’aereo, continuano, ma le speranze di trovare superstiti si affievoliscono minuto dopo minuto. Un incredibile particolare è emerso in queste ore: lo stesso aereo, tre settimane fa, aveva trasportato la nazionale argentina che era diretta in Brasile, a Belo Horizonte, per disputare il match contro il Brasile.

Inutile dire che il mondo del calcio è attonito: tante le reazioni di solidarietà e di vicinanza allo sfortunatissimo club brasiliano. Tra i superstiti della tragedia ci sarebbero anche dei calciatori: vi aggiorneremo, tra qualche ora, sulle operazioni, sperando che il bilancio sia il meno pesante possibile.