Nostalgia Canaglia: Tomas Skuhravy Nostalgia Canaglia: Tomas Skuhravy
Vi ricordate di un gigante di 193 centimetri proveniente dalla Repubblica Ceca destinazione Genova? Ve le ricordate le sue capriole dopo i goal realizzati... Nostalgia Canaglia: Tomas Skuhravy

skc

Vi ricordate di un gigante di 193 centimetri proveniente dalla Repubblica Ceca destinazione Genova? Ve le ricordate le sue capriole dopo i goal realizzati che si concludevano con l’immancabile pugno alzato al cielo? E chi se lo dimentica, Tomas Skuhravy.

Sette settembre. Questa è la data impressa nella memoria di qualsiasi tifoso genoano. Qualcuno dirà 1893, anno di fondazione del Club più antico d’Italia. Altri diranno 1965, l’anno di nascita del gigante che ha fatto sognare la Gradinata Nord per 6 anni, dal 1990 al 1996.

Tomas nasce a Přerov nad Labem ed inizia la sua carriera giovanile nello Sparta Praga. Grazie ai suoi goal ed alla sua generosità si conquista la maglia della nazionale cecoslovacca, con la quale disputa il campionato del mondo del 1990. Proprio il destino lo mette di fronte all’Italia, avversaria nel girone, che a breve diverrà la sua patria adottiva. Skuhravy segna subito all’esordio nel girone, una doppietta con gli Stati Uniti, e a fine rassegna sarà vicecapocannoniere con 5 reti dietro al solo Totò Schillaci.

L’allora presidente del Genoa, Spinelli, gli ha messo gli occhi addosso e lo vuole a tutti i costi mettere a disposizione del tecnico Osvaldo Bagnoli.  La prima stagione all’ombra della lanterna è subito di quelle importanti, 15 reti in 33 partite disputatate che valgono il piazzamento per l’Europa.

Accanto a lui, a fare ammattire le difese avversarie con i suoi guzzi e le sue accelerazioni, c’è un altro idolo incontrastato, il Pato Aguilera.

Per me Pato era il miglior giocatore del mondo. Giocare con lui era come avere un occhio anche dietro: non devi costruire tu, se hai Pato, vai in porta e segni. Basta. Quella era la mia casa, lasciavo costruire agli altri: il mio campo di battaglia era davanti alla porta

I due formano una coppia che non ha nulla da invidiare ai migliori attacchi europei in circolazione. Potenza e velocità, tecnica e sacrificio. Non manca proprio nulla ed infatti l’armata di Bagnoli disputerà un’incredibile coppa Uefa arrestata solo dall’Ajax che poi si aggiudicherà il trofeo. Ma chi si scorda il passaggio del turno ad Oviedo, dopo la sconfitta casalinga, grazie alla doppietta di Tomas Skhuravy? E chi l’impresa in terra inglese, ad Anfield contro il Liverpool, in uno stadio fin ad allora mai profanato da nessuna squadra italiana? E dopo ogni goal quella maledetta capriola, così goffa e genuina, antenata delle piroette perfette che arriveranno in seguito.

Si chiama Tomáš Skuhravý, con le sue reti si vola, facci la capriola, facci la capriola

Nel 1995 , dopo aver conosciuto la gloria, conosce anche la polvere sempre con la maglia del grifone. La squadra retrocede, a seguito di uno spareggio perso ai rigori contro il Padova, e il capellone ceco sprofonda con essa in serie B. Rimane qualche mese in serie cadetta  prima di trasferirsi allo Sporting Lisbona,  sebbene il meglio di sé lo abbia già ampiamente dato.

Tomas Skhuravy non è stato semplicemente un attaccante forte di testa e fisicamente devastante. Con i suoi 57 goal realizzati nell’arco della carriera genoana può essere a tutti gli effetti accostato a bomber del calibro di Pruzzo o, in tempi più recenti, del Principe Diego Milito. L’amore dei tifosi rossoblu è ricambiato da Skuhravy che, al momento del ritiro dal calcio giocato, si è trasferito a Varazze dove è proprietario di un ristorante e ha collaborato come commentatore per una televisione locale.

Io ero così, anche con una gamba sola non ci stavo mai a perdere. Mi giravano troppo…

Related Posts

Luka Modric e la nostalgia di Cristiano Ronaldo

2019-03-05 08:59:39
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Aimo Diana

2015-05-11 18:53:22
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Eupremio Carruezzo

2015-04-24 12:00:51
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Kennet Andersson

2015-04-16 20:58:10
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Enrico Chiesa

2015-04-14 23:09:58
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Maurizio Ganz

2015-04-06 15:02:27
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Pino Taglialatela

2015-04-02 17:42:37
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Ibrahim Ba

2015-03-30 15:23:10
delinquentidelpallone

18

Nostalgia Canaglia: Carsten Jancker

2015-03-28 14:03:07
delinquentidelpallone

18