Qualche giorno fa, sull’onda della pubblicazione della lista dei 23 del Pallone d’oro, avevamo avuto l’idea malsana di istituire un premio alternativo: la Tibia...

Qualche giorno fa, sull’onda della pubblicazione della lista dei 23 del Pallone d’oro, avevamo avuto l’idea malsana di istituire un premio alternativo: la Tibia d’Oro, il riconoscimento per quei giocatori che in campo danno l’anima, prendendosi di tanto in tanto (abbastanza spesso) qualche cartellino giallo, e rifilando qualche calcione di troppo, ma sempre in buona fede.

Insomma, il nostro premio nel senso più ampio del termine. Vi abbiamo sottoposto una lista di 23 elementi tra cui scegliere i 3 finalisti, che, lo ricordiamo sono risultati essere 3 protagonisti della nostra Serie A. Finalmente il nostro campionato torna alla dignità che si merita, finalmente torniamo a far sentire la nostra voce.

Ecco a voi i 3 finalisti, in tutto il loro splendore. A fondo pagina trovate ovviamente il sondaggio per votare il vostro preferito.

Radja Nainggolan

Il centrocampista belga della Roma è stato il grande protagonista della prima tornata di votazioni. Il 40% di voi gli ha dato fiducia (ricordiamo che si potevano esprimere fino a 3 preferenze) e Radja è carico per affrontare la battaglia per portarsi a casa la Tibia d’oro 2015. Nel corso del 2015 Nainggolan si è segnalato come uno dei centrocampisti più attivi del pianeta, in tutti i sensi. E la Tibia d’Oro sarebbe il coronamento di una stagione straordinaria.

Felipe Melo

Felipao è tornato in Italia di prepotenza, e si è preso immediatamente l’Inter sulle spalle. Il brasiliano è tornato armato delle peggiori intenzioni, e le prestazioni con la maglia nerazzurra fin qui lo dimostrano assolutamente. Randellate, urlacci, ingiurie, pure un gol. Felipe Melo è maturato e lo sta facendo vedere a tutto il mondo. Da premio Oscar l’intervista successiva a Chievo-Inter: “Questo è calcio, se non vuoi il contatto vai a giocare a tennis”. Campione.

Gary Medel

Un po’ a sorpresa, l’Inter fa doppietta nella finalissima della Tibia d’Oro e porta sul podio un altro rappresentante: é Gary Medel, il cileno che in estate si è portato a casa la Copa America con la sua nazionale (segnalandosi per una serie di prestazioni culminate in una finale in cui ha preso letteralmente a calci Leo Messi) e che ora è diventato indispensabile nell’Inter di Mancini. Il tecnico, pur di non perderlo, lo ha schierato spesso difensore centrale. Imprescindibile Medel.