Storia del pallone che ha viaggiato per 1600 chilometri Storia del pallone che ha viaggiato per 1600 chilometri
“Ciao! Avete uno dei migliori tiratori dalla distanza del mondo. Un mio amico ha trovato un vostro pallone sulla spiaggia, c’è il nome della... Storia del pallone che ha viaggiato per 1600 chilometri

Ciao! Avete uno dei migliori tiratori dalla distanza del mondo. Un mio amico ha trovato un vostro pallone sulla spiaggia, c’è il nome della vostra squadra sopra“. In allegato, foto del pallone.

Chissà cosa deve aver pensato l’addetto stampa del Banks O’Dee, squadra di Aberdeen, quando, aprendo la posta elettronica del club, ha trovato questo messaggio.

Un messaggio che arrivava direttamente dalla Norvegia, dall’Isola di Vanna per la precisione, nella parte più settentrionale del Paese scandinavo.

Ma come ci è finito, in Norvegia, un pallone partito dalla Scozia? La risposta, forse, ci può arrivare dalla geografia.

Johnny Mikalsen, ragazzo norvegese, è l’autore del messaggio mandato per posta elettronica alla squadra scozzese. Il pallone, però, l’ha trovato un suo amico, Nils Hugo Andersen. Che quando vede quel pallone, con colori a lui sconosciuti, legge sopra delle parole.

Banks O’Dee, U19. Bastano un po’ di ricerche per capire che il pallone appartiene alle giovanili di una squadra scozzese, il Banks O’Dee appunto. Che ha sede nella città di Aberdeen.

Resta da capire come sia stato possibile che quel pallone abbia percorso circa 1600 chilometri e sia spuntato in Norvegia, in quello sperduto isolotto.

La spiegazione, forse, è semplice. Il Banks O’Dee, infatti, gioca le sue partite in un impianto che è vicinissimo a un fiume. Il fiume Dee, appunto. Il pallone, grazie a qualche campione non proprio provvisto di mira invidiabile, deve essere finito proprio dentro quel fiume, che sfocia poi nel Mare del Nord.

Da lì, dalle rive del fiume Dee, l’eroico pallone ha percorso all’incirca 1000 miglia, pari appunto a più di 1600 chilometri. Fino al miracoloso ritrovamento sulle coste norvegesi.

Il pallone è ancora in buone condizioni, le scritte si sono cancellate, ma si può ancora usare, anche dopo un viaggio di queste proporzioni“.

Chissà se davvero lo useranno ancora. Forse, dopo un viaggio del genere, il suo posto è in una bacheca. Non capita tutti i giorni di far arrivare un pallone 1600 chilometri più in là: quel pezzo di cuoio si è meritato la gloria eterna.

Related Posts

Diario Mundial 2018, Day 4

2018-06-18 07:44:58
delinquentidelpallone

1

La maglia da 1 milione di euro

2017-05-17 12:22:35
delinquentidelpallone

1

Il punto sulla Serie C: la 3a giornata

2017-09-12 08:34:18
delinquentidelpallone

1

Fantacalcio: la worst 11 della 13a giornata

2015-11-23 13:40:55
delinquentidelpallone

1

La stranissima partita di Neuer spiegata dalle statistiche

2018-06-27 20:57:25
delinquentidelpallone

1

Le migliori rimonte della storia delle Coppe Europee

2017-03-07 10:11:49
delinquentidelpallone

1

Il cinque a zero di Pocket Hercules e la sua banda

2015-03-01 16:32:07
delinquentidelpallone

1

L’ultimo acquisto dell’Inter: ma chi è?

2017-01-31 15:03:57
delinquentidelpallone

1

Come funzionerà il VAR in Bundesliga?

2017-08-18 17:40:30
delinquentidelpallone

1