I malati di calcio come noi non vanno mai in vacanza: venerdì 16 Giugno, infatti, prenderanno il via gli Europei Under 21 che si...

I malati di calcio come noi non vanno mai in vacanza: venerdì 16 Giugno, infatti, prenderanno il via gli Europei Under 21 che si disputeranno in Polonia e la cui finale è prevista per il giorno 30 Giugno.

Un’occasione per vedersi ancora un po’ di calcio, visto che non è mai abbastanza, e per ammirare alcuni tra i giocatori che diventeranno protagonisti assoluti delle prossime stagioni calcistiche.

Come accaduto per i Mondiali under 20 andati in archivio da poco, questi Europei saranno un’occasione per conoscere meglio alcuni giocatori molto giovani di cui si parla già molto bene.

Come sempre accade in queste rassegne, ci sarà probabilmente anche la possibilità di vedere qualche calciatore poco conosciuto imporsi a sorpresa.

Oggi, nella nostra marcia di avvicinamento, abbiamo voluto proporvi quelli che secondo noi sono i 10 giocatori più interessanti da osservare in questi Europei Under 21, tra calciatori già affermati e altri meno noti.

Ecco la nostra lista, curiosi come sempre di sentire la vostra nei commenti all’articolo.

Renato Sanches

Il centrocampista del Bayern Monaco, sebbene quest’anno abbia trovato poco spazio, lo conosciamo bene in quanto protagonista assoluto della cavalcata vittoriosa del Portogallo agli Europei (questa volta della Nazionale maggiore) in Francia.

Centrocampista moderno, in grado di garantire quantità ma soprattutto qualità, è stato pagato oltre 30 milioni di euro dal Bayern Monaco per strapparlo alla concorrenza dei molti club che si erano avventati su di lui. Inutile dire che è una delle stelle più attese di questo torneo e che le fortune della Nazionale lusitana passeranno soprattutto dai suoi piedi.

Nikola Milenkovic

Solitamente quando pensiamo alle Nazionali slave ci vengono in mente giocatori estrosi, magari dal carattere un po’ particolare, difficilmente pensiamo a difensori.

Nel caso di Nikola Milenkovic, serbo classe 1997, dobbiamo fare un’eccezione: il difensore del Partizan Belgrado, accostato di recente alla Fiorentina, è l’elemento da tenere in maggior considerazione per quel che riguarda la Serbia.

Fisico possente, ottimo senso della posizione e, logicamente, colpo di testa mortifero. Dovesse arrivare alla Fiorentina, merito di Corvino e della sua infatuazione per i giocatori balcanici, sarebbe certamente una gran presa.

Marco Asensio

Per Marco Asensio non servono grandissime presentazioni, dal momento che è andato già in gol nella recente finale di Champions League. Basterebbe questo per farvi capire la caratura del giocatore, uscito dalla cantera del Real, su cui Zinedine Zidane, uno che di talento se ne intende, scommetterebbe ad occhi chiusi.

Ottimo dal punto di vista tecnico e dotato anche di una notevole propensione al gol preferisce giocare o largo sulla fascia, per poi accentrarsi, o appena dietro una prima punta di riferimento. In ogni caso occhio alle sue accelerazioni improvvise e ai suoi dribbling.

Patrik Schick

Proprio in queste ore in cui scriviamo sembra essere ufficiale il passaggio di Patrik Schick dalla Sampdoria alla Juventus per una cifra di poco superiore ai 30 milioni di euro.

L’attaccante della Repubblica Ceca è stato senza ombra di dubbio la sorpresa più grossa del campionato italiano da poco concluso tra gol, assist e giocate di tecnica sopraffina.

Utilizzato sia a partita in corso che dall’inizio, si è sempre dimostrato all’altezza della situazione, colpendo per la freddezza dimostrata nonostante l’età e la tendenza alla giocata ad effetto.

Uno dei giocatori da osservare con maggior interesse in questo europeo e occhio anche al compagno di squadra Jankto, che già abbiamo imparato ad apprezzare nell’Udinese.

Mahmoud Dahoud

Mahmoud Dahoud, nato in Siria ma con passaporto tedesco, è uno degli elementi di spicco della Germania, che sta sfornando questo tipo di giocatori con una continuità pazzesca.

Si tratta di un centrocampista tecnico, estremamente dinamico, che riesce a coniugare bene entrambe le fasi non disdegnando, di tanto in tanto, la zona gol.

Il 1 luglio verrà ufficializzato il suo passaggio dal Borussia M’gladbach  al Borussia Dortmund, squadra che ha saputo bruciare la concorrenza agguerrita che c’era per accaparrarsi il giocatore.

Serge Gnabry

L’altro elemento di spicco della Nazionale tedesca, oltre a Dahoud, è Serge Gnabry, nato a Stoccarda nel 1995 e già nel giro della Nazionale maggiore da un po’ di tempo a questa parte.

Questa estate si è trasferito dal Werder Brema, dove ha fatto una stagione ottima, al Bayern Monaco che su di lui ha investito una cifra considerevole.

Attaccante esterno rapido, molto bravo tecnicamente, trova la via del gol con estrema facilità: in Polonia, dal momento che la Germania è nel nostro girone, bisognerà tenere gli occhi puntati su di lui.

Gianluigi Donnarumma

Gigio Donnarumma in questi giorni sta monopolizzando le pagine di tutti i quotidiani sportivi per la vicenda riguardante il suo rinnovo con il Milan.

Speriamo che questo fatto non mini la concentrazione del portierone in vista dell’Europeo in quanto le nostre fortune passeranno anche dai suoi guantoni.

E’ già considerato quasi unanimemente un top player, almeno per quel che riguarda il ruolo, motivo per cui è lecito aspettarsi una super prestazione di Gigio negli Europei che stanno per prendere il via.

Dawid Kownacki

Dawid Kownacki, attaccante di 20 anni del Lech Poznan, viene considerato in patria l’erede di Robert Lewandowski.

Lo sappiamo che questi paragoni lasciano sempre il tempo che trovano, finendo per caricare inutilmente di pressioni questi ragazzi, fatto sta che il potenziale sembra davvero notevole e vale la pena dare un’occhiata alle partite della Polonia, che avrà anche la spinta del pubblico di casa.

In queste ore il suo nome è stato accostato a quello della Sampdoria, che deve sostituire il partente Schick. Chissà che non sia la sorpresa del prossimo campionato di serie A…

Laszlo Benes

Nella Slovacchia l’osservato speciale ha un nome e un cognome : Laszlo Benes.  Il diciannovenne del Borussia Monchengladbach è andato in gol già nella sua prima partita disputata in bundesliga, con un tiro pregevole dai 20 metri, ed essendo un centrocampista molto tecnico il paragone con Marek Hamsik, vista la nazionalità, è quasi scontato.

In realtà è ancora un calciatore tutto da formare, anche se su di lui ci sono già gli occhi di molti scout dei top club europei, segno che qualcosa di molto buono si è già intravisto.

Andrija Zivkovic

Parlandovi di Milenkovic vi avevamo detto come questa Serbia Under 21 avesse, in modo inconsueto, il proprio giocatore più interessante nel reparto arretrato.

In realtà c’è anche la consueta dose di talento più avanti, rappresentata da Andrija Zivkovic, il centrocampista esterno di 21 anni in forza al Benfica.

Non è un giocatore sconosciuto in quanto già dal 2013 è in orbita Nazionale maggiore, ed è stato il giocatore serbo più giovane in assoluto ad esordire in Nazionale, sotto la guida di Mihajlovic.

Nel 2015 era stato tra l’altro già protagonista nella vittoria del Mondiale under 20 della Serbia, un giocatore da seguire con assoluto interesse.

Di menzioni particolari ne potremmo fare veramente tante, a partire dagli spagnoli Bellerin, Inaki Williams e Saul Niguez, o dall’inglese Will Hughes (a nostro avviso il più interessante della nazionale britannica) , passando per il portoghese Joao Cancelo (veramente molto forte) finendo con i nostri Bernardeschi, Caldara e Chiesa.

La realtà è che questi Europei, che inizieranno il 16 giugno, si preannunciano ricchi di giocatori interessanti da osservare e assolutamente imperdibili. Per conoscere tutte le squadre, le date, gli orari e gli stadi, potete leggere la nostra Guida agli Europei Under 21.