Spalletti, conferenza stampa infuocata Spalletti, conferenza stampa infuocata
Dopo l’eliminazione dall’Europa League, Luciano Spalletti, allenatore della Roma, aveva lanciato una provocazione, una boutade, con delle parole che hanno lasciato il segno. In... Spalletti, conferenza stampa infuocata

Dopo l’eliminazione dall’Europa League, Luciano Spalletti, allenatore della Roma, aveva lanciato una provocazione, una boutade, con delle parole che hanno lasciato il segno. In particolare, una frase aveva colpito: “Forse sono io che porto sfiga...”

Una provocazione, come tante ne ha fatte, quest’anno e in passato, il tecnico toscano, che però qualcuno ha preso un po’ troppo sul serio. E oggi, nella conferenza stampa pre-Sassuolo, qualcuno ha tirato fuori quelle dichiarazioni, e, allora, Spalletti si è incazzato.

Io non sono sfigato. Ho raggiunto un livello tale che non può cambiare in base a una sconfitta, ma questo vale anche per altri lavori. La sfiga o la fortuna non cambiano nulla a questo punto della mia carriera. La fortuna e la sfortuna hanno una connessione con il sudore, io sono tranquillo. Sono l’allenatore della Roma. Voi tutti i giorni fate le psicoanalisi, siete voi gli sfigati. State utilizzando l’artiglieria pesante per capire come sto. Non sono riuscito a leggere tutto, ma in settimana concluderò. I vostri non sono articoli, sono oroscopi”.

Al che, i giornalisti hanno ribattuto dicendo che era stato proprio lo stesso Spalletti a parlare di sfiga. Vero, ma Luciano non ci sta, e risponde ancora una volta per le rime…




Ma voi ne parlate tutti i giorni… Ripeto, la fortuna e la sfortuna non cambiano nulla sul mio lavoro e il mio livello. Quanti siete voi? A voi la fortuna può dar qualcosa in più, io sono a posto. A voi interessano più le ombre e i rumori. Prima di Lione ho detto che vedo più ombre, poi voi fate l’articolo, ma vi prendevo per il culo”. Il tecnico prosegue riferendosi a un giornalista ben preciso: “Oggi qualcuno ha mandato gli agenti segreti per capire come sto…

Infine, un’analisi del tecnico toscano sull’eliminazione dall’Europa League.

Serve parlare ed essere realisti, analizzando quello che è successo. Ieri mattina ci siamo alzati con la sensazione di non aver nulla in mano, come se la luce si fosse spenta. È una sconfitta che ci dà fastidio e che brucia. La partita ha comunque detto che abbiamo grandi potenzialità. Mancherà l’Europa League, ma siamo usciti  immeritatamente. Abbiamo giocato bene, nonostante qualche errore e il Lione è una squadra forte“.

Insomma, non proprio un bel clima quello che sembra respirarsi intorno all’allenatore della Roma, che proprio in queste settimane dovrebbe decidere del suo futuro, se rimanere in casa giallorossa o cambiare aria…

 

Related Posts

Derby di Tirana: partita infuocata, rissa e incidenti

2016-05-05 16:02:49
delinquentidelpallone

18

Le 10 scapocciate più belle in conferenza stampa

2015-12-02 13:46:05
delinquentidelpallone

18

Antonio Conte impazzisce dopo il gol del Chelsea

2017-10-21 13:35:16
delinquentidelpallone

8

La tripletta di Tim Weah nel mondiale U17

2017-10-21 11:15:36
pagolo

8

Le squadre che hanno segnato di meno in Europa finora

2017-10-21 09:56:20
delinquentidelpallone

8

L’allenamento di Petr Cech manderebbe fuori di testa chiunque

2017-10-20 11:46:01
delinquentidelpallone

8

Neymar: maxi multa in arrivo

2017-10-20 09:09:55
pagolo

8

In Europa League i portieri diventano tutti scemi

2017-10-19 21:38:52
delinquentidelpallone

8