San Franco Armani ha salvato l’Argentina San Franco Armani ha salvato l’Argentina
Se in Argentina – o in qualsiasi altro posto nel mondo, in effetti – decidono di mettere un “San” davanti al tuo nome, in... San Franco Armani ha salvato l’Argentina

Se in Argentina – o in qualsiasi altro posto nel mondo, in effetti – decidono di mettere un “San” davanti al tuo nome, in segno di ringraziamento per le tue opere, di solito è buon segno.

Significa che hai fatto qualcosa per alleviare le sofferenze della tua popolazione, che le tue opere sono servite a portare in salvo le anime di quella gente, o magari, più semplicemente, che sei abituato a fare i miracoli.

E anche stanotte Franco Armani, il portiere del River Plate, si è dovuto trasformare in San Franco Armani per tirare fuori l’Argentina dal baratro.

L’Albiceleste ha un piede fuori dalla Copa America, e se passerà il turno lo farà come una delle migliori terze, per il rotto della cuffia, e dovendo sperare in un favore dal Brasile o magari dalla Colombia.

Ma a dire il vero, senza San Franco Armani, l’Argentina avrebbe probabilmente avuto tutti e due i piedi fuori dalla Copa America, perché  stanotte il portiere del River ha salvato la sua Nazionale con il suo ennesimo miracolo.

Il Paraguay era andato in vantaggio nel primo tempo, aprendo i soliti catastrofici scenari per la squadra di Scaloni, prima che Leo Messi pareggiasse i conti su rigore, grazie anche all’intervento provvidenziale non di una forza divina, ma del VAR, che ha visto un tocco di mani sulla conclusione in porta di Lautaro Martinez.

Ma, pochi minuti dopo, lo scriteriato intervento di Otamendi in area di rigore ha regalato al Paraguay il rigore che avrebbe potuto trasformare la partita nell’ennesimo psicodramma a tinte albicelesti. Ci ha dovuto pensare San Franco Armani, che si è allungato per andare a togliere il tiro di Derlis Gonzalez da dentro la porta e ha mantenuto il punteggio sull’1-1.

Armani si è poi ripetuto qualche minuto più tardi, con un altro intervento ai limiti dell’impossibile, che ha permesso all’Argentina di portare a casa almeno il punticino.

Se l’Albiceleste è ancora dentro la Copa America, e se Leo Messi può ancora sperare – a questo punto, forse, senza troppa convinzione – di portare a casa quel maledetto trofeo internazionale, il merito è solo dei miracoli di Franco Armani. Anzi, di San Franco Armani.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro