River-Boca a Madrid: ci sono ancora problemi River-Boca a Madrid: ci sono ancora problemi
Nelle ultime ore della giornata di ieri, dopo che si erano inseguite le indiscrezioni, è arrivata la comunicazione ufficiale della CONMEBOL, la federazione calcistica... River-Boca a Madrid: ci sono ancora problemi

Nelle ultime ore della giornata di ieri, dopo che si erano inseguite le indiscrezioni, è arrivata la comunicazione ufficiale della CONMEBOL, la federazione calcistica sudamericana.

La finale di ritorno della Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors è stata spostata a Madrid, e sarà giocata allo stadio Santiago Bernabeu il 9 dicembre, dopo la sospensione di sabato scorso dovuta all’attacco subito dal bus del Boca lungo il tragitto verso il Monumental.

Quindi, tutto a posto, tutto sotto controllo, e squadre che devono solo organizzare il viaggio verso l’Europa per la prossima settimana, no?

No, non è per niente tutto a posto. Figuriamoci.

Il Boca Juniors, infatti, ha annunciato di essere contrario a questa decisione, e con un comunicato ufficiale ha comunicato che si rifiuterà di giocare la partita a Madrid.

Nel comunicato degli Xeneizes viene affermato che la società si rivolgerà per prima cosa alla corte d’appello della CONMEBOL e, in caso di ulteriore decisione negativa, farà valere le sue ragioni anche dinanzi al TAS, il tribunale dello sport.

Il Boca, insomma, vuole giocare questa partita maledetta in Sudamerica. O, forse, vincerla a tavolino…

Anche il River Plate, però, non ha tutta questa voglia di giocare la partita a Madrid, e lo ribadisce tramite un altro comunicato ufficiale.

A proposito del River: la punizione della CONMEBOL è stata pesantissima, 400.000 dollari di multa e due partite a porte chiuse nella prossima competizione continentale.

Nel frattempo, però, la macchina organizzativa è già partita (anche perché il 9 dicembre non è poi così lontano).

Per questo motivo, sono state rese note le modalità di accesso ai biglietti: avranno priorità i 60.000 che hanno acquistato il biglietto per la partita mai giocata al Monumental, poi avranno diritto di prelazione i soci delle due squadre, con lo stadio aperto a entrambe le tifoserie, visto che il presidente della CONMEBOL Dominguez ha detto di voler assistere a una “festa dello sport“.

Su alcuni siti – truffaldini, probabilmente – i biglietti sono già in vendita a cifre astronomiche, ma vi consigliamo di non provarci nemmeno, a meno che non vogliate fare la figura dei polli.

Insomma, non sappiamo ancora se la partita si giocherà davvero a Madrid, ma nel caso in cui abbiate intenzione di andare a vederla, armatevi di tanta pazienza e probabilmente anche di tante banconote di grosso taglio da lasciare al botteghino.