Di tempo, dall’esonero di Claudio Ranieri, non ne è passato poi molto, ma la velocità vertiginosa con cui corre il mondo del calcio ci...

Di tempo, dall’esonero di Claudio Ranieri, non ne è passato poi molto, ma la velocità vertiginosa con cui corre il mondo del calcio ci ha portato a mettere già un pochino da parte questa vicenda.

E, in effetti, Claudio Ranieri non aveva parlato ancora, dopo l’esonero di qualche mese fa.

Per la prima volta, da quando è successo, Claudio Ranieri ha parlato di quanto successo, intervenendo ieri, dal teatro del carcere di Rebibbia, durante un evento organizzato dalla Associazione Italiana Allenatori Calcio del Lazio.

Queste le parole di Ranieri, che non ha voluto parlare molto di quanto successo con il Leicester, ma che ha comunque dovuto spendere qualche parola sull’argomento, quasi obbligato.

Pensando all’esonero dal Leicester la prima cosa che mi viene in mente è il senso di sorpresa, ancor più dell’amarezza: ne avevo passate tante, nella mia carriera, ma una cosa come questa mai. È stato uno shock. Anche se in fondo, queste cose fanno parte del calcio da sempre“.

Altro ospite della serata era Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice, per il quale Ranieri ha avuto poi bellissime parole:

Il vero gigante è lui, io sono solo un allenatore che ha avuto la gioia di vincere un campionato con una fantastica avventura e poi di vivere il dispiacere per quello che è accaduto dopo. Abbiamo fatto un’impresa a vincere il campionato con il Leicester, mi auguro che la prossima sia far rinascere Amatrice e il suo territorio“.

Infine, un piccolo indizio sul suo futuro. E il segnale che, forse, tra un po’ di tempo ne sapremo qualcosa di più sul suo esonero…

Sky Sports UK mi ha chiesto di commentare una partita, il 10 aprile, e io ho accettato. Fino a quel momento non voglio parlare. Perché tutto è nato in Inghilterra, e dall’Inghilterra mi sembra giusto ripartire“.