Rangers-Braga è stata una partita speciale Rangers-Braga è stata una partita speciale
Dopo la pausa dei mesi invernali, è finalmente tornata in campo l’Europa League, con le partite dei sedicesimi di finale che si sono giocate... Rangers-Braga è stata una partita speciale

Dopo la pausa dei mesi invernali, è finalmente tornata in campo l’Europa League, con le partite dei sedicesimi di finale che si sono giocate oggi.

Le squadre italiane hanno raccolto due preziosissime vittorie, con l’Inter che si è imposta 2-0 in casa del Ludogorets, ipotecando praticamente la qualificazione, e la Roma che ha superato, soffrendo, per 1-0 il Gent all’Olimpico.

La partita più emozionante di serata, però, è stata sicuramente quella che è andata in scena ad Ibrox.

A Glasgow, infatti, i Rangers hanno vinto 3-2 una partita da batticuore, rimntando dopo essere stati sotto per 2-0, un punteggio che avrebbe quasi sicuramente reso impossibile la qualificazione.

I portoghesi sono andati in vantaggio con Fransergio dopo 11′, e nella ripresa hanno raddoppiato con il giovanissimo Abel Ruiz al 59′.

A quel punto i Rangers, con le spalle al muro, hanno reagito di pura grinta: a suonare la carica è stato il gol di Ianis Hagi (il figlio di Gheorghe, visto anche in Italia), che ha accorciato le distanze con un super diagonale al 67′.

Al 75′ i Rangers hanno pareggiato con Aribo, al termine di una caparbia azione d’attacco, e poi, all’82’, ci ha pensato ancora Ianis Hagi: punizione deviata dalla barriera, 3-2, e partita totalmente ribaltata, con il pubblico di Ibrox totalmente impazzito.

Adesso alla squadra di Steven Gerrard basterà un pareggio in Portogallo per ipotecare il passaggio del turno. Considerando che il Celtic ha pareggiato 1-1 in casa del Copenaghen, mettendosi in situazione di vantaggio per la sfida di ritorno, il sogno di tutti, noi compresi, sembra piuttosto evidente: un bell’Old Firm agli ottavi di finale…