Ralf Rangnick ha scelto un modulo che non si vede tutti i giorni per lo United Ralf Rangnick ha scelto un modulo che non si vede tutti i giorni per lo United
Ralf Rangnick è famoso per essere considerato uno di quegli allenatori – anche se allenatore, nel suo caso, è un concetto un po’ riduttivo... Ralf Rangnick ha scelto un modulo che non si vede tutti i giorni per lo United

Ralf Rangnick è famoso per essere considerato uno di quegli allenatori – anche se allenatore, nel suo caso, è un concetto un po’ riduttivo – in grado di sistemare e mettere a posto squadre che hanno bisogno di ritrovarsi.

L’allenatore tedesco è stato scelto dal Manchester United per sostituire Ole Gunnar Solskjaer e cercare di recuperare posizioni in campionato, ma anche e soprattutto in vista della prossima stagione, per aprire un ciclo di programmazione e ricostruzione che riporti in alto i Red Devils.

Per il momento, però, Rangnick ha cominciato a intervenire su quello che succede in campo.

Domenica, dopo il breve periodo del traghettatore Carrick, il tedesco si è seduto per la prima volta sulla panchina del Manchester United, e ha ottenuto una vittoria contro il Crystal Palace: un 1-0 non proprio entusiasmante, arrivato con il gol di Fred al 77′, ma che visto il momento attuale può bastare ed avanzare.

La novità più grande introdotta da Rangnick è stata il modulo di gioco: lo United si è schierato in campo con un modulo molto particolare, una sorta di 4-2-2-2 con Cristiano Ronaldo e Marcus Rashford di punta e Bruno Fernandes e Jadon Sancho alle loro spalle.

Un’impressione, questa dello schieramento, confermata anche dalle posizioni medie dei giocatori dello United, con i soli Dalot e Alex Telles che hanno giocato più larghi degli altri, e il resto della squadra rimasto a giocare per la maggior parte del tempo nelle zone centrali del campo.

Rangnick ha poi spiegato che la sua scelta è stata principalmente quella di dare un partner d’attacco a Cristiano Ronaldo per dargli una mano nel compito di pressare alto gli avversari.

Di conseguenza, vista la rosa a disposizione dello United, era difficile schierare giocatori che potessero essere impiegati in un modulo con gli esterni di centrocampo più alti, e quindi la scelta del tedesco è caduta su questo modulo molto particolare, che per il momento, sembra aver dato i suoi frutti.