Quest’anno a Perugia c’è parecchio entusiasmo Quest’anno a Perugia c’è parecchio entusiasmo
Dopo le prime due giornate del campionato di Serie B – anche questo fermo per la pausa nazionali e pronto a tornare in campo... Quest’anno a Perugia c’è parecchio entusiasmo

Dopo le prime due giornate del campionato di Serie B – anche questo fermo per la pausa nazionali e pronto a tornare in campo nel prossimo fine settimana – sono solamente tre le squadre a punteggio pieno, e molto probabilmente a inizio anno nessuno avrebbe immaginato di vedere questo terzetto in testa.

Una delle tre è una neopromossa (sembra quasi un’abitudine, ormai, quella della squadra che tenta il doppio salto dalla C alla A), la Virtus Entella, l’altra è la Salernitana di Gian Piero Ventura, a caccia di riscatto. La terza capolista della Serie B, al momento, è il Perugia di Massimo Oddo, che ha conquistato le sue vittorie contro Chievo e Livorno, e adesso si gode tutto l’entusiasmo del suo pubblico.

Entusiasmo che sembra essere più che giustificato, visti anche gli ultimi acquisti arrivati dal mercato: il colpo più importante è stato quello di Diego Falcinelli, ma sono arrivati anche giocatori di livello per sistemare gli altri reparti, come Angella e Balic.

Il mattatore delle prime due giornate del Grifo, però, è stato senza dubbio Pietro Iemmello, altro attaccante di categoria che non tradisce mai: lo Zar è andato a segno due volte dal dischetto contro il Chievo, e poi ha firmato anche il gol con cui il Perugia ha espugnato il Picchi di Livorno.

Considerando che, oltre che su Iemmello e Falcinelli, il reparto avanzato del Perugia può contare anche su Melchiorri, Capone e Bianchimano, e che dietro ci sono anche giocatori importanti per la categoria come Gyomber e Aleandro Rosi, le ambizioni e la voglia di disputare un campionato di vertice ci sono tutti.

La piazza di Perugia, ovviamente, ha risposto presente, con il suo solito entusiasmo. La campagna abbonamenti è stata un successo, e in città il fermento si può toccare con mano.

Anche per scaramanzia, in pochi si azzardano a parlare già oggi di Serie A, ma la voglia di tornare nel grande calcio è parecchia: il massimo campionato manca da quelle parti dal 2004, quando il Perugia di Serse Cosmi venne condannato alla retrocessione in B dallo spareggio perso contro la Fiorentina. Poi, da quel momento, ci sono stati momenti bui, con due fallimenti e una ripartenza dalla Serie D, fino alla riconquista della Serie B nel 2014.

Il riscatto, però, guida anche il mister del Perugia, Massimo Oddo, che dopo le esperienze di Udine e Crotone ha voglia di tornare a fare qualcosa di positivo. E Perugia, con la sua gente e il suo calore, sembra davvero il posto ideale per riscrivere ancora una volta una pagina importante di storia.

Il campionato di Serie B è lungo, imprevedibile e soprattutto difficilmente pronosticabile, e proprio per questo motivo due giornate sono un campione decisamente poco significativo. Ma a Perugia l’atmosfera è carica di ottimismo, e a volte, in un campionato del genere, volare sulle ali dell’entusiasmo può fare tutta la differenza del mondo.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

Oggi ci sono molte partite interessanti in Coppa Italia

2019-08-18 12:16:40
delinquentidelpallone

1

Juventus, a testa alta

2015-06-07 14:29:29
delinquentidelpallone

1

Felipe Melo, il brasiliano che non ti aspetti

2015-09-01 10:19:42
delinquentidelpallone

1

Chi è Álex Berenguer?

2017-07-17 12:50:31
delinquentidelpallone

1

Saliou Ciss: il delinquente dell’anno?

2015-10-28 12:17:55
delinquentidelpallone

1

5 cose che non sapevi su Matthijs de Ligt

2019-07-17 07:16:49
delinquentidelpallone

1

La squadra dell’anno del 2016 di UEFA.com

2017-01-05 17:38:23
delinquentidelpallone

1

Il gol più bello della storia del Barcellona

2019-03-28 16:14:31
delinquentidelpallone

1