Quando lo Stoccarda vinse la Bundesliga Quando lo Stoccarda vinse la Bundesliga
Quando si vuol parlare di miracoli sportivi più o meno eclatanti e di outsider arrivate in vetta dal nulla, la Bundesliga è sempre un’ottima... Quando lo Stoccarda vinse la Bundesliga

Quando si vuol parlare di miracoli sportivi più o meno eclatanti e di outsider arrivate in vetta dal nulla, la Bundesliga è sempre un’ottima fonte di aneddoti. Stavolta vogliamo tornare alla stagione 2006/07, quando lo Stoccarda di Armin Veh conquistò a sorpresa il Meisterschale ai danni di uno Schalke 04 ancora una volta beffato a un passo dal traguardo (vi ricordate il racconto di qualche giorno fa?).

Estate 2006, la ferita della semifinale persa contro l’Italia nel mondiale casalingo è ancora aperta e dolorosa per la Germania; lo shock si ripercuoterà sul blocco bavarese della nazionale, col Bayern Monaco che si appresta ad affrontare una delle stagioni più difficili dell’era moderna.

Coi campioni uscenti ad annaspare e mai realmente in lotta per il titolo, ai piani alti della classifica troviamo inizialmente il Werder Brema, che si laureerà anche campione d’inverno, lo Schalke 04 e, appunto, la sorpresa Stoccarda.

Finito in nona posizione nella stagione precedente, il club (col confermato Armin Veh in panchina) parte tutt’altro che bene, sconfitto per 3-0 dal Norimberga, poi inanella una serie di risultati utili consecutivi che lo porteranno addirittura in vetta alla classifica nella dodicesima giornata, prima di rientrare nei ranghi e lasciare il primo posto al Werder.

E’ lo Stoccarda del portierone Hildebrand, impenetrabile per tutta la stagione, della coppia difensiva ambita da mezza Europa formata da Serdar Tasci e da Fernando Meira, del martello Hitzlsperger e di un giovane Sami Khedira. Ma è soprattutto lo Stoccarda di Mario Gomez, panzer implacabile che, coadiuvato dal duttile compagno di reparto Geronimo Cacau, con le sue reti sarà decisivo per la corsa al titolo.

Spulciando la rosa spuntano anche l’ex Milan Jon Dahl Tomasson, impiegato appena 4 volte da Veh, e Alexander Farnerud, futuro centrocampista del Torino.

Nel girone di ritorno è lo Schalke 04, guidato dall’indimenticabile Kevin Kuranyi, a prendersi la vetta della Bundes e pregustare un titolo che meriterebbe di certo, se non altro per la perseveranza. Lo Stoccarda però, nonostante la sconfitta nello scontro diretto, non molla, risalendo pazientemente la classifica e, forte delle 7 vittorie consecutive, portandosi alle calcagna della squadra di Gelsenkirchen. Alla penultima giornata, ecco la scolta: lo Schalke perde il Westfalenderby contro il Borussia Dortmund, mentre lo Stoccarda vince a Bochum rimontando due volte lo svantaggio, grazie alle reti di Hitzlsperger, Gomez e Cacau.

La squadra di Veh a 90’ dal termine del campionato è in testa alla classifica, e all’ultima curva non sbaglia: col già salvo Energie Cottbus è partita vera alla Mercedes-Benz Arena, tanto che i padroni di casa vanno addirittura sotto, ma le reti di Hitzlsperger e Khedira permettono agli svevi di festeggiare il tanto insperato quanto meritato successo nazionale.

Alex Campanelli
twitter: @Campanelli11

Related Posts