Qualificarsi ai Mondiali del 2022 sarà più difficile del previsto Qualificarsi ai Mondiali del 2022 sarà più difficile del previsto
L’Italia di Roberto Mancini ha da poco conosciuto le sue avversarie nel girone di Euro 2020 (Svizzera, Turchia e Galles, per i pochi che... Qualificarsi ai Mondiali del 2022 sarà più difficile del previsto

L’Italia di Roberto Mancini ha da poco conosciuto le sue avversarie nel girone di Euro 2020 (Svizzera, Turchia e Galles, per i pochi che ancora non dovessero saperlo) che animerà la prossima estate calcistica.

Eppure, tra un po’ sarà tempo di pensare a un’altra manifestazione, quella che ci è mancata nell’estate del 2018 e che non vediamo l’ora di tornare a giocare: stiamo parlando, naturalmente, dei Mondiali.

Qualificarsi per Qatar 2022 è l’imperativo d’obbligo per la Nazionale Italiana, per riscattare il disastro della mancata qualificazione a Russia 2018.

Ma come saranno organizzate le qualificazioni ai prossimi Mondiali per la zona europea? Raggiungere il Qatar non sarà affatto facile, e anzi il sistema di qualificazione potrebbe trasformare la corsa ai Mondiali in un percorso a ostacoli, non solamente per l’Italia.

Le squadre europee saranno divise in 10 gironi: 5 gironi da 5 squadre e 5 gironi da 6 squadre, con le finaliste dell’edizione precedente della Nations League che avranno il “vantaggio” di essere in un girone da 5.

Le prime 10 qualificate ai Mondiali saranno le vincenti di questi gironi, e a quel punto rimarranno ancora 3 posti da assegnare per quanto riguarda l’Europa. Chi se li giocherà? Le 10 seconde classificate più le due migliori squadre della Nations League che ancora non si sono qualificate.

Queste 12 squadre si giocheranno i 3 posti in palio con 3 “Final Four”, sul modello delle qualificazioni a Euro 2020, con semifinali e finali. In pratica, chi arriverà secondo nel girone (o chi sarà ripescato dalla Nations League) dovrà superare altre due avversarie per arrivare ai Mondiali.

Sarà quindi fondamentale essere una delle 10 teste di serie al sorteggio dei gironi, e quindi essere tra le prime 10 europee del ranking FIFA. Al momento, le 10 teste di serie sarebbero: Belgio, Francia, Inghilterra, Croazia, Portogallo, Spagna, Svizzera, Italia, Olanda e Germania.

Capirete bene che perdere punti nel ranking e uscire dalle prime 10 posizioni potrebbe essere un vero e proprio disastro.