Pietro e Marco Pellegri, due gol per il sogno di una vita Pietro e Marco Pellegri, due gol per il sogno di una vita
Alzi la mano chi da bambino, ma anche da ragazzo o adulto, non ha esultato, immaginando l’urlo della propria curva, correndo verso il vuoto,... Pietro e Marco Pellegri, due gol per il sogno di una vita

Alzi la mano chi da bambino, ma anche da ragazzo o adulto, non ha esultato, immaginando l’urlo della propria curva, correndo verso il vuoto, credendo per un solo attimo di sentire il boato della propria gente, dei tifosi della propria squadra del cuore, che inneggiano il suo nome e lo urlano a squarciagola.

Pietro Pellegri, classe 2001 – sì, non è un errore di battitura, è davvero del 2001 – tutto questo non lo ha dovuto immaginare, l’ha vissuto sulla propria pelle e crediamo non lo dimenticherà mai più.

È una calda serata di fine estate, allo Stadio “Luigi Ferraris” in Marassi si gioca il match di campionato tra Genoa e Lazio.

Pietro si siede in panchina ed ammira lo spettacolo della Gradinata Nord, suo padre è seduto accanto a lui. Solo poco tempo prima erano li, su quegli spalti, a cantare il loro amore incondizionato per il Grifone, adesso lavorano per la loro passione, ma nulla è cambiato, sono sempre genoani “marci” fino al midollo, quella maglia ce l’hanno tatuata dentro.

Al minuto 33, però, cambia la storia della partita, e forse anche la vita di Marco e Pietro Pellegri, padre e figlio. Juric si alza e indica Pietro, gli dice di scaldarsi, lo vuole fare entrare. Centurion, infatti, pare spento, non incide e il Genoa ha bisogno di una scossa. Il giovane ragazzo entra in campo, lotta, combatte come farebbe ogni singolo tifoso presente allo stadio e soprattutto segna, segna una doppietta sotto la Gradinata Nord, realizzando in un colpo solo il suo sogno e quello di suo padre.

Segna, dunque, ed esulta, si dirige verso la curva incredulo, con la spensieratezza di un ragazzo di 16 anni e 112 giorni, con la gioia di un adolescente che ha eguagliato un record storico, che apparteneva a Silvio Piola, un mostro sacro del nostro calcio.

Tutto ad un tratto, però, l’inquadratura cambia. Le telecamere non riprendono più l’esultanza sfrenata di Pietro ma le lacrime di Marco, il padre, il quale non riesce a trattenere la gioia e inizia a piangere. In quelle lacrime ci sono anni di sacrifici, anni di attese sotto il sole e sotto la pioggia, anni in cui la data dell’esordio sembrava lontanissima e il sogno di sentire quel cognome urlato dalla Gradinata pareva non arrivare mai.

Embed from Getty Images

Nel goal del figlio, in realtà, ci sono i sogni di una intera famiglia, la tenacia di chi ha trasmesso una passione viscerale come quella per una squadra di calcio e l’emozione di sentire “Pellegri” urlato forte da tutto il Ferraris.

Non sappiamo cosa riserverà il futuro al giovane ragazzo, probabilmente andrà via dal Genoa, le stigmate del predestinato ci sono tutte. Immaginare un futuro solo in maglia rossoblu sarebbe magico e romantico, ma nel calcio di oggi, fatto di business e procuratori, non crediamo che ciò sia possibile. In ogni caso Domenica 17 Settembre 2017 sarà una data da ricordare e da segnare in rosso sul calendario: è il giorno in cui il sogno di un padre si è mescolato al sogno del figlio, l’attimo in cui tutti gli sforzi hanno avuto un senso.

Questa che vi abbiamo raccontato è la storia di un padre e di un figlio e del loro amore per il calcio e per il Genoa. Provate a dire loro che questo è solo un gioco, vi risponderanno che i sogni di una vita valgono tutti allo stesso modo e che il loro si è realizzato in una Domenica sera qualunque per tutti, indimenticabile per loro.

Andrea Sperti

Related Posts

Quando Marco Ballotta entrò nella storia della Champions League

2019-07-04 09:42:38
delinquentidelpallone

18

Marco Verratti deve dimostrare quanto vale

2019-03-22 10:21:39
delinquentidelpallone

18

La strepitosa partita di Marco Asensio contro la Croazia

2018-09-12 08:21:58
delinquentidelpallone

18

L’avvio sprint di Marco Benassi

2018-09-03 11:04:02
delinquentidelpallone

18

PSG-Real: la follia di Marco Verratti

2018-03-06 21:24:04
delinquentidelpallone

18

L’esultanza di Marco Reus ha fatto discutere un po’

2018-02-27 14:27:38
delinquentidelpallone

18