Perù e Cile sono nazioni che, diciamola in questo modo, non si stanno reciprocamente molto simpatiche. Ed è una cosa che va molto oltre...

Perù e Cile sono nazioni che, diciamola in questo modo, non si stanno reciprocamente molto simpatiche. Ed è una cosa che va molto oltre il calcio, ma che nel calcio trova la sua sublimazione, da qualche anno a questa parte.

Per cui, quando pochi giorni fa era in programma Perù-Cile, valida per le qualificazioni ai mondiali di Russia 2018, ci aspettavamo tutti che si potesse in qualche modo delinquere, perlomeno in campo. E, se sul campo è filato quasi tutto liscio, nel dopopartita è successo qualcosa di particolare e che vale la pena raccontarvi dettagliatamente.

Sul campo si sono imposti i cileni, in casa del Perù, per 4-3 cosa che non capitava da quasi 30 anni. Così, dopo la vittoriosa semifinale di Copa America, che aprì la strada al successo cileno, la Roja si è presa un altro gustoso successo. Ma non è finita qui, perchè è proprio adesso che viene il bello. Infatti in questi giorni è venuto fuori quello che i cileni hanno combinato dopo la vittoria, nello spogliatoio dello Stadio Nacional di Lima.

Una scritta sul muro con il pennarello, come nei bagni dell’Autogrill: “Rispettateci! Da qui sono passati i campioni del Sudamerica”.

Questo il messaggio lasciato da una mano anonima sul muro dello spogliatoio. Non sappiamo se sia stata opera di Vidal, di Medel, di Isla o di chicchessia, sappiamo solo che fa molto Terza Categoria e che tutto questo non può che farci immensamente piacere, caricando di ulteriori significati la prossima sfida tra queste due squadre.

I media peruviani hanno preso malissimo la faccenda e hanno insultato con ogni genere di epiteto gli irrispettosi cileni. Insomma, l’impressione è che la faccenda non finirà qui. Nemmeno per sbaglio.