Perché Florenzi non gioca più? Perché Florenzi non gioca più?
Da qualche settimana, ormai, la scena sembra essere diventata abituale, con le telecamere che sembrano quasi, beffardamente, andare a cercarla di proposito. Alessandro Florenzi,... Perché Florenzi non gioca più?

Da qualche settimana, ormai, la scena sembra essere diventata abituale, con le telecamere che sembrano quasi, beffardamente, andare a cercarla di proposito.

Alessandro Florenzi, stretto nel suo giaccone, seduto in panchina, in mezzo ai tanti giovani che oramai, vista l’emergenza infortuni, affollano la lista delle riserve della Roma.

Già, perché a Roma sta succedendo proprio questo: nonostante una situazione che, seppur in miglioramento, ha visto Fonseca con gli uomini contati, il capitano ha giocato sempre meno. Nelle ultime 5 partite, dalla trasferta di Genova in poi, Florenzi ha giocato un totale di 18 minuti, due spezzoni di partita contro il Borussia Moenchengladbach all’andata e contro l‘Udinese.

Insomma, il giocatore sembra essere uscito dalle grazie di Fonseca, anche perché la Roma sembra aver ricominciato a vincere e a giocare bene proprio in coincidenza con l’esclusione di Florenzi, con le 3 vittorie consecutive in campionato.

In tanti hanno cercato i motivi di questa esclusione, che, però, a quanto pare dovrebbe essere solamente di natura tecnica. In questi anni, infatti, Florenzi si è reso utile alla squadra con la sua duttilità, con la capacità di giocare da esterno difensivo e da esterno offensivo, e a volte addirittura da mezzala. Ma, per Fonseca, questa duttilità non esiste: nelle sue idee, Florenzi non è un esterno difensivo, e può giocare solamente più avanti, da esterno offensivo.

E, in quella posizione, la concorrenza è alta, con i vari Zaniolo, Under e Kluivert (oltre agli adattati Perotti, Pastore, Mkhitaryan, eventualmente) che sono sistematicamente preferiti a Florenzi.

E così, dopo aver ammainato le bandiere di De Rossi e Totti nella scorsa stagione, sembra proprio che siano tempi difficili anche per un’altra bandiera della romanità come Alessandro Florenzi.