Sono trascorse solo otto giornate, il campionato è ancora giovane (anche se, almeno quello di Serie A, sembra già destinato a prendere la strada...

Sono trascorse solo otto giornate, il campionato è ancora giovane (anche se, almeno quello di Serie A, sembra già destinato a prendere la strada di Torino) e il Fantacalcio è ancora tutto da decidere, anche se qualche idea già ce la siamo fatta e soprattutto abbiamo già lasciato per strada una marea di punti, di bonus e malus e soprattutto una considerevole dose di imprecazioni.

Ma, anche se la stagione può contare solamente su 8 giornate in archivio, qualcosa è già chiara: ci sono già dei giocatori che ti hanno rovinato il campionato, quelli sui quali hai investito probabilmente una cifra considerevole e che ti hanno ripagato con prestazioni scadenti, con più malus che bonus e una marea di gol divorati.

Insomma, anche a fine ottobre, ci sono già dei giocatori che ti hanno rovinato la stagione. E, quasi sicuramente, hai almeno uno di questi in rosa. Andiamo a scoprire, allora, i 10 peggiori acquisti del Fantacalcio 2016-17, finora.

Nikola Kalinic

Dopo l’exploit della passata stagione, l’attaccante croato della Fiorentina era uno di quelli che stuzzicava maggiormente l’appetito dei fantallenatori di tutta Italia. E, aggiungendoci il bel calcio giocato dalla squadra di Sousa nella passata stagione (non per tutto l’anno in verità, ma la prima metà di stagione fu da leccarsi i baffi) in molti erano convinti che puntare sul numero 9 della squadra viola sarebbe stata scelta più che saggia.

Aggiungiamoci poi il fatto che, almeno in attacco, le vere legnate sarebbero volate sui vari Higuain, Icardi, Dybala, Bacca. Insomma, i fantallenatori che non sarebbero riusciti a prendere uno dei big di primissima fascia erano sicuri di trovare in Kalinic un approdo sicuro, una validissima alternativa che avrebbe portato gol e bonus a volontà, o, addirittura, un complemento perfetto a uno dei grandissimi, con magari un terzo e quarto attaccante pescato nelle scommesse.

Ecco, fin qui il croato ha fatto letteralmente piangere i suoi fantallenatori: media voto del 5.79, l’unico gol segnato alla prima giornata alla Juventus, quando magari molti fantacalci non erano nemmeno cominciati, fantamedia del 6.12.

Samir Handanovic

Lo sappiamo tutti che la scelta del portiere è una delle più delicate. E’ vero, i bonus alla fine della fiera li portano gli attaccanti, ma tante volte mantenere la porta imbattuta, prendere buoni voti dietro (se si utilizza il modificatore) può risultare decisivo, soprattutto in quelle settimane sporche in cui i gol degli attaccanti latitano e bisogna fare sforzi sovrumani per vincere magari una partita tirata ai 66.

Ecco, e tra i portieri, la scelta di chi vuole spendere qualche fantamilione in più poteva cadere su pochi eletti. L’anno scorso, con l’Inter che nella prima parte di campionato non prendeva gol praticamente mai, la scelta di Samir Handanovic si era rivelata vincente per molti, che proprio grazie al portiere sloveno si erano portati a casa parecchie partite.

Quest’anno hai puntato su di lui, magari risparmiando anche qualcosa rispetto al più costoso Buffon, e ti aspettavi grandi cose, pochi gol, buona media voto e, volesse il cielo, anche qualche rigorino parato. La realtà, invece, dice altro: 10 gol subiti, uno in meno dei portieri di Empoli e Pescara, e fantamedia del 4.81.

Lorenzo Insigne

Sul Napoli di Maurizio Sarri, fantacalcisticamente parlando, hanno scommesso in molti e, immaginiamo, in molti si sono scannati durante l’asta per accaparrarsi gli attaccanti della truppa partenopea. Il grande interrogativo era quello su chi avrebbe raccolto, in termini di gol e finalizzazione, la pesantissima (no, non è una battuta) eredità di Gonzalo Higuain.

Per cui in molti hanno dovuto scommettere, un po’ alla cieca, su tutti quelli che si erano candidati al ruolo. Chi ha scelto Mertens e Hamsik è cascato abbastanza bene, chi ha scelto Milik ha raccolto i frutti nelle prime giornate e ha poi ingiuriato gli astri celesti al momento dell’infortunio, ma almeno ha la coscienza a posto. Chi ha scelto Manolo Gabbiadini merita una pacca sulla spalla e un abbraccio fraterno, e non merita di subire altre prese per i fondelli.

Chi invece ha puntato su Lorenzo Insigne è rimasto con la miccia in mano. Ci si aspettava che Lorenzinho, dopo la buona stagione scorsa, salisse ulteriormente di rendimento e trovasse la porta con maggiore continuità: finora al massimo ha messo insieme 3 assist. E ringraziate Iddio che il rigore lo ha sbagliato in Champions League.

Mario Mandzukic

Questo è un dramma che avranno vissuto in tanti, parecchi, una vera moltitudine. In tantissimi, nel momento esatto in cui è apparso certo il trasferimento di Gonzalo Higuain alla Juventus, hanno esclamato, con la sicumera di chi ne capisce, di calcio e di vita, e con la luce della saggezza negli occhi, testuali parole: “COL CAZZO CHE MI SCANNO PER HIGUAIN ALL’ASTA DEL FANTACALCIO QUEST’ANNO”.

E infatti, in molti, hanno deciso di defilarsi dalla lotta atomica per portarsi a casa l’argentino della Juventus che l’anno scorso aveva fatto record di gol in Serie A. Non vale la pena rovinarsi per un solo giocatore, hanno detto in molti, punto sulla squadra. E, chi proprio voleva un attaccante della Juventus, considerato anche che Paulo Dybala era ugualmente costoso, ha fatto un ragionamento che a lui sembrava filare dritto dritto.

Higuain lo conserveranno per la Champions League, il turnover sarà costante: con soli 3 attaccanti, Marione Mandzukic giocherà spesso e segnerà anche tanti gol. Piuttosto che spendere un rene per Higuain, mi butto sul croato che i suoi gol li farà lo stesso. Allegri non è stato dello stesso avviso, e per di più, quando Mandzukic ha giocato, ha toccato pochissimi palloni, e con i pochi che ha toccato si è divorato gol a porta vuota. Certo, non andate a dirglielo in faccia che vi ha deluso, che non è il caso.

Riccardo Saponara

E’ stato uno degli acquisti più saggi dello scorso campionato, anche se, come spesso gli accade, è andato un po’ a corrente alternata. Ma siccome probabilmente lo scorso anno non avevate puntato grandi capitali su di lui, gli avevate perdonato qualche calo e qualche bischerata, come la squalifica che si beccò insultando l’arbitro a Frosinone.

Quest’anno, invece, su Ricky Saponara le aspettative erano ancora più alte, e proprio per questo motivo l’asta per il fantasista dell’Empoli è arrivata, quasi in tutte le Leghe, a quotazioni ben più alte rispetto a suoi colleghi di reparto. E quasi sicuramente, quando ve lo siete portati a casa, sarete rimasti soddisfatti e fiduciosi.

L’Empoli, invece, passando di mano da Giampaolo a Martusciello, ha dimenticato come si segna. Solo due le reti segnate dai toscani, tutte e due contro il Crotone e tutte e due segnate da difensori. Di Saponara nemmeno l’ombra, non pervenuto: sette presenze, media voto di poco superiore alla sufficienza, 3 ammonizioni racimolate. Bene ma non esattamente benissimo.

Ali Adnan

Ok, partiamo dal presupposto che per Ali Adnan non avrete speso comunque un occhio della testa (anche se noi lo abbiamo fatto, in verità, illuminati dalle giocate dell’obice semovente (cit. Caressa) iracheno) e quindi non gli avrete dedicato le bestemmie che avete dedicato ad altri protagonisti di questa ignominiosa classifica.

Ma sicuramente, dopo la prima stagione positiva in Italia, dal terzino dell’Udinese ci si aspettava molto di più, anche in chiave fantacalcistica: la sua spinta e il suo piede buono hanno convinto molti fantallenatori a puntare su di lui, sperano in bonus a sorpresa dalla difesa, un po’ come ai tempi dei fasti di Alessandro Parisi da Messina, che tante soddisfazioni aveva regalato ai suoi possessori.

Il buon Ali, invece, si è letteralmente perso, e con Beppone Iachini è finito spesso confinato in panchina. 5 presenze e media voto di poco superiore al 5. Vedremo come cambieranno le cose con Delneri in panchina, finora, purtroppo, disastro totale.

Massimo Maccarone e Alberto Gilardino

Ritorniamo immediatamente all’Empoli, fonte di parecchie insofferenze fantacalcistiche in questa stagione. Sia ben chiaro, dalla truppa di Martusciello non ci si aspettava certo numeri da Real Madrid o Bayern Monaco, ma quei due o tre giocatori su cui puntare, onesti comprimari o gente comunque in grado di portare bonus a casa c’erano comunque. E si sono rivelati acquisti perlomeno incauti.

Abbiamo già detto della sterilità conclamata dell’attacco empolese, che ha trovato la via del gol solo con i difensori. Eppure in molti avevano puntato su due vecchi bucanieri del gol, due che sembravano assolute garanzie. Alzi la mano chi, colto da improvvisi attacchi di nostalgia, non ha puntato qualche spicciolo su Massimo Maccarone o Alberto Gilardino.

E purtroppo i due vecchietti terribili dell’Empoli hanno fin qui deluso. 5 presenze per Maccarone, e media voto del 5,4 (5.1 la fantamedia) 6 presenze e media voto del 5,38 per il Gila. Non saranno stati la vostra prima scelta, ma il pericolo che abbiate buttato clamorosamente dei soldi è assolutamente concreto.

Alberto Paloschi

Nota dolente, molto dolente. L’arrivo di Gasperini sulla panchina dell’Atalanta, dopo anni di allenatori con mentalità ultradifensiva, era stato visto da molti fantallenatori come una benedizione: si poteva tornare a puntare sui calciatori della Dea anche in chiave fantacalcistica.

E la scelta su chi poteva ricadere se non su Alberto Paloschi? L’attaccante ex Chievo tornava dall’infausta avventura allo Swansea, e a Bergamo sembrava decisamente destinato a un riscatto pronto e immediato. E poi, con il calcio di Gasperini, un attaccante come lui sembrava decisamente destinato a mettere insieme una quantità sufficiente di reti. Ah, si, dimenticavamo. E’ anche il rigorista designato dell’Atalanta, diamine! Su di lui si può puntare con fiducia!

Al 20 di ottobre, Alberto Paloschi non ha la garanzia del posto da titolare neppure in caso di pestilenza che colpisca tutta Zingonia, si è fatto soffiare un rigore da Kessiè e l’unico che ha tirato se l’è fatto parare. Ovviamente non ha messo a segno nemmeno un gol e la sua media voto ai fini del Fantacalcio è uno strabiliante 4.75.

Borja Valero

Altro pessimo acquisto proveniente da una delle delusioni finora più cocenti del campionato 2016-17, la Fiorentina. E l’anno scorso era stato il centrocampista spagnolo uno dei segreti e delle chiavi della buona stagione dei viola.

Quest’anno, invece, insieme alla squadra di Sousa, anche Borja Valero sembra avere risentito e non si sta esprimendo ai suoi livelli. Lui, che già non era un fulmine di guerra, sembra aver perso qualche altro tempo di gioco, e la sua manovra (e di conseguenza quella della squadra) sembra essere diventata decisamente più prevedibile e orizzontale. Insomma, non gira Borja e non gira la Fiorentina.

Lo scorso anno il centrocampista aveva regalato gioie anche ai suoi possessori al Fantacalcio. Media voto stellare, bonus e assist: puntare su di lui aveva pagato i dividendi sperati. Quest’anno, invece, poco da sorridere. Media voto del 6,07 e bonus che tardano a farsi vedere. Per quanto l’avete pagato, tanto valeva puntare su Mazzitelli.

Radja Nainggolan

Lo ammettiamo, nella scelta dell’ultimo calciatore da inserire in questa classifica, c’è stato, in redazione, un derby romano: eravamo indecisi se puntare su Felipe Anderson, tornato dal Brasile con la medaglia e i capelli d’oro ma poi non proprio brillante in Italia, oppure su un nostro cavallo, Radja Nainggolan.

Alla fine, non riuscendo a decidere, l’alternativa era prendersi a pugni o affidarsi ai freddi numeri. A pugni ci siamo presi comunque, poi ci siamo affidati ai numeri. E siccome la media voto di Felipe Anderson è anche leggermente più alta (6.14 media voto e 6.21 fantamedia) e ha messo insieme anche due assist, abbiamo optato per l’inserimento in classifica del centrocampista belga della Roma.

Radja Nainggolan non è un animale da Fantacalcio, vero, ma proprio lui aveva portato, l’anno scorso ad esempio, tanti bonus, con i suoi inserimenti in zona gol. Che quest’anno sono venuti a mancare, insieme anche alla media voto: Radja ha raccolto un misero 5.67 di media voto semplice, che diventa 5.83 calcolando la media fantacalcistica. Perlomeno non ha ancora raccolto cartellini. Male, eh.