Pochi minuti fa, a Zurigo, si è celebrata la cerimonia di consegna del Pallone d’Oro e di tutti i premi ad esso collegato. Come...

Pochi minuti fa, a Zurigo, si è celebrata la cerimonia di consegna del Pallone d’Oro e di tutti i premi ad esso collegato. Come preannunciato dal clamoroso leak del sito web della FIFA della settimana scorsa, sapevamo già il nome del vincitore.

Si tratta, per l’appunto, di Leo Messi, giunto al suo quinto trofeo in carriera, che ha prevalso davanti a Cristiano Ronaldo e Neymar. Tra le donne, il premio è andato alla statunitense Carli Lloyd, 33enne centrocampista (le indiscrezioni della FIFA, invece, dicevano altro).

Il premio di miglior allenatore è andato all’allenatore del Barcellona, Luis Enrique, a completare la doppietta blaugrana. Dietro a lui, Jorge Sampaoli e Pep Guardiola. Il ct degli Stati Uniti Jill Ellis ha vinto invece il premio come miglior tecnico relativamente al calcio femminile.

Infine, gli altri due riconoscimenti in ballo erano la top 11 della FIFA, il World XI e il Puskas Award per il gol più bello. Questa la top 11 scelta, abbastanza controversa in alcune sue scelte e che vede un pizzico di Italia grazie alla presenza di Pogba.

Manuel Neuer (Germania, Bayern Monaco); Thiago Silva (Brasile, Paris Saint Germain), Marcelo (Brasile, Real Madrid), Sergio Ramos (Spagna, Real Madrid), Dani Alves (Brasile, Barcellona); Andres Iniesta (Spagna, Barcellona), Luka Modric (Croazia, Real Madrid), Paul Pogba (Francia, Juventus); Neymar (Brasile, Barcellona), Lionel Messi (Argentina, Barcellona), Cristiano Ronaldo (Portogallo, Real Madrid).

Non ce l’ha fatta invece Alessandro Florenzi a portarsi a casa il premio di gol più bello. Ha vinto Wendell Lira con il suo gol in rovesciata segnata durante Atletico Goianiense-Goianesia. Florenzi è arrivato secondo, mentre lo slalom di Messi contro l’Athletic Bilbao si è piazzato al terzo posto.

Questo il gol vincitore del premio.