Come ben saprete, se seguite le vicende calcistiche, Eugenio Corini non è più l’allenatore del Palermo, avendo rassegnato le dimissioni. Al suo posto Zamparini...

Come ben saprete, se seguite le vicende calcistiche, Eugenio Corini non è più l’allenatore del Palermo, avendo rassegnato le dimissioni. Al suo posto Zamparini ha pensato di chiamare l’allenatore Uruguagio Diego Lopez, che sarà il quarto allenatore stagionale del Palermo.

Da quando Maurizio Zamparini ha assunto la guida della società rosanero si sono succeduti ben 38 cambi di gestione tecnica, una cifra da record, alcune con più fortuna rispetto alle altre ma sempre di durata piuttosto breve.

Quelli di Squawka, malati come noi, hanno avuto allora una pensata malsana e si sono domandati: quanto durerebbero 3 dei migliori allenatori al mondo, Mourinho, Guardiola e Ancelotti, sulla panchina del Palermo? Per avere la risposta si sono affidati a Football Manager 2017, simulando una carriera con questi 3 allenatori alla guida della squadra siciliana.

I risultati sono piuttosto sorprendenti, scopriamoli.

Josè Mourinho

L’allenatore portoghese riesce a tenere il comando della baracca per 225 giorni, viene infatti licenziato il 4 aprile 2017.

Fino al periodo natalizio le cose vanno decentemente, poi a Dicembre la sua posizione viene definita “molto a rischio”, condizione dalla quale è molto difficile risalire la china.

La mazzata decisiva viene data da tre sconfitte consecutive, che fanno precipitare il Palermo al 19 posto in serie A, e convincono Zamparini a cacciare lo Special One.

Il tabellino di Mou alla guida del Palermo è di 36 partite giocate, delle quali 10 vinte, 10 pareggiate e 16 perse. La percentuale di vittorie, 27%, è di gran lunga la peggiore della sua carriera da allenatore.

Stranamente, per quelle che sono le sue caratteristiche, la difesa imbarca acqua da tutte le parti arrivando a 50 gol subiti, mentre l’attacco fatica tremendamente a trovare la via del gol.

Mourinho lascia il Palermo in penultima posizione, davanti al solo Crotone, e la squadra viene affidata ad Eugenio Corini, che proprio non riesce a rifiutare l’incarico.

Durante la sua gestione, Mourinho, finalizza due soli acquisti, uno a titolo definitivo, Victor Casadesus dal Levante, l’altro in prestito, Ricardo Esgaio, giocatore portoghese.

Clicca qui per scoprire cosa ha combinato Pep Guardiola

Next page