Nostalgia Canaglia: Stefan Schwoch Nostalgia Canaglia: Stefan Schwoch
Stefan Schwoch è stato uno dei cannonieri più prolifici del calcio di provincia, e ha lasciato il segno da Nord a Sud, in quasi... Nostalgia Canaglia: Stefan Schwoch

Stefan Schwoch è stato uno dei cannonieri più prolifici del calcio di provincia, e ha lasciato il segno da Nord a Sud, in quasi tutte le categorie del calcio professionistico. Nato a Bolzano il 19 ottobre del 1969, di origini polacche da parte del padre, tira i primi calci e segna i primi gol nel Passirio Merano, in Interregionale, dove fa l’esordio a 19 anni. Il primo campionato di C2 lo gioca con la maglia della SPAL, ma non da punta, bensì da tornante.

Dopo le esperienze al Crevalcore e al Pavia, nel 1994 passa al Livorno, sempre in C2, dove realizza 19 gol in 33 partite. Tra il 1995 e il 1997 realizza 29 gol con la maglia del Ravenna, e attira l’attenzione del Venezia di Zamparini. I suoi gol al Penzo guidano la risalita degli arancioneroverdi in serie A, dove Stefan può esordire alla veneranda età di 29 anni. Non segnerà però molto, e a gennaio del 1999 passa al Napoli, in Serie B, dove ritrova ancora una volta Walter Novellino, suo mister già a Ravenna e Venezia. Segna 22 gol e contribuisce a riportare gli azzurri nella massima serie.

Dopo una parentesi a Torino, Schwoch passa al Vicenza, dove chiuderà la carriera e diventerà una vera e propria icona. 74 i gol con la casacca biancorossa, in 220 partite disputate fino al 2008, anno in cui appende gli scarpini al chiodo. Con i suoi 135 gol segnati in Serie B è uno dei marcatori più prolifici della storia del campionato cadetto.