Oggi, grazie a un articolo pubblicato dal Sole 24 ore, siamo venuti a conoscenza di una storia magnifica, una storia che ci racconta quanto...

Oggi, grazie a un articolo pubblicato dal Sole 24 ore, siamo venuti a conoscenza di una storia magnifica, una storia che ci racconta quanto il calcio possa significare nelle nostre vite. E che soprattutto ci racconta di una passione senza età.

Francesco Malgieri, per tutti Ciccio, ha quasi 90 anni, ma non ha mai smesso di fare una delle cose che più gli piace nella vita. Forse, la cosa che gli piace fare più di tutte: seguire il suo Foggia in giro per l’Italia. “La prima volta che andai a vedere il Foggia è stato nel ’37. Presi la bicicletta a mio zio e percorsi quaranta chilometri, da Sant’Agata di Puglia, dove sono nato, a Foggia. Vincemmo 3 a 0 ma non ricordo con quale avversario.

Queste le parole di nonno Ciccio al Sole 24 ore, parole che raccontano solo una parte di una storia davvero incredibile. Infatti il ragazzo (scusateci, vogliamo chiamarlo così) sale a bordo della sua macchina, qualche volta anche un giorno prima, e si mette in viaggio per seguire le avventure dei suoi Satanelli.

Dopo che cominciai nel ’37, la guerra fermò i campionati. Così ripresi a seguire il Foggia in trasferta dopo il 1945“. E, da quel giorno, Nonno Ciccio non si è più fermato, macinando chilometri nel nome della sua passione per i colori rossoneri.

Nonno Ciccio i suoi conti se li sa fare. Ogni trasferta la organizza nei minimi dettagli e sa il fatto suo: “Partire per seguire la squadra mi dà una carica incredibile: mi preparo da mangiare e mi porto la mia schiscetta perché non posso né voglio spendere 2 euro per una bottiglietta di acqua minerale in Autogrill o 5 euro per un panino, sono tanti per un pensionato.”

Dice (come dargli torto) di preferire quando le partite erano tutte la domenica alle 15, e per la prossima settimana ha in programma una trasferta poco agevole. Il Foggia giocherà a Catania, alle 20.30 di domani sera. Nonno Ciccio salirà sulla sua Renault Laguna dalla mattinata e tornerà a casa a notte inoltrata, guidando nel buio fino a casa. Ma per il suo Foggia, questo ed altro.