Nicolas Pépé, il nome nuovo della Ligue 1 Nicolas Pépé, il nome nuovo della Ligue 1
La classifica della Ligue 1, quest’anno, è parecchio strana.  Dietro al solito PSG, che già a novembre aveva ipotecato la pratica scudetto – anche... Nicolas Pépé, il nome nuovo della Ligue 1

La classifica della Ligue 1, quest’anno, è parecchio strana. 

Dietro al solito PSG, che già a novembre aveva ipotecato la pratica scudetto – anche se, in effetti, anche ad agosto, prima che si giocasse un solo minuto di stagione, le cose erano abbastanza chiare – c’è molto movimento, e le tradizionali inseguitrici dei parigini sembrano faticare un pochino.

Così, al momento, al secondo posto si è issato un po’ a sorpresa il Lille di Christophe Galtier, che con la vittoria di ieri contro il Caen ha guadagnato il diritto di rimanere dietro al PSG anche per questa giornata.

E il trascinatore del Lille ha un nome e un volto ben preciso, un nome che in tanti ora stanno cominciando a conoscere: Nicolas Pépé, che anche ieri è andato a segno nel 3-1 della sua squadra.

Il suo bilancio stagionale in Ligue 1 è decisamente positivo: 13 gol segnati e 7 assist forniti ai compagni, in 20 partite giocate. Al momento è in cima alla classifica cannonieri insieme a Kylian Mbappè, che però ha giocato 12 partite.

Ma chi è Nicolas Pépé? Conosciamolo meglio.

Classe 1995, esterno d’attacco che preferisce giocare a destra, ma il suo piede è il sinistro, così da favorirlo nei rientri e nei tagli verso l’area di rigore che tanto preferisce. 183 centimetri di altezza, veloce, rapido e sgusciante: stargli dietro è veramente molto difficile.

Questa la sua heatmap stagionale, con le zone in cui è stato più attivo. Come potete notare, parte dalla fascia per accentrarsi molto spesso e per vedere la porta.

Pépé non è cresciuto in vivai importanti, ma si è fatto notare nelle serie minori, dove, nel 2014 è andato a pescarlo l’Angers. Dopo un’esperienza in prestito all’Orleans, è tornato alla base nel 2016-17, quando ha giocato il suo primo campionato di Ligue 1. 22 presenze (11 da titolare) e 3 gol segnati che convincono il Lille a puntare su di lui.

Numeri che crescono nel corso della scorsa stagione, chiusa con 13 gol segnati e 4 assist: come vedete, quest’anno ha già pareggiato il bilancio della stagione 2017-18.

Il suo cavallo di battaglia sono le progressioni e le accelerazioni, che spesso disorientano e seminano i difensori. Andando a leggere meglio le sue statistiche avanzate, troviamo anche molto altro.

4,53 dribbling a partita, 1.86 palloni intercettati, 3.16 palloni recuperati, 3.2 tocchi in area, con il dato relativo agli xG (expected goals) che tocca quota 0.47 a partita.

Un ragazzo sul quale hanno già messo gli occhi in tanti, e che potrebbe finire sui taccuini degli osservatori di mercato di tante big europee già dalla prossima estate.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts

La partita fenomenale di Lautaro Martinez contro il Messico

2019-09-11 07:45:53
delinquentidelpallone

18

La stagione da fenomeno di Yaya Tourè

2019-09-07 09:42:30
delinquentidelpallone

18

Henrikh Mkhitaryan: nel nome del padre

2019-09-02 15:07:56
delinquentidelpallone

18

Il nome nuovo della Roma per l’attacco

2019-07-14 00:12:16
delinquentidelpallone

18

Sei anni fa Virgil van Dijk segnava gol da fenomeno

2019-06-05 13:32:11
delinquentidelpallone

18

La stagione mostruosa di Nicolas Pépé

2019-05-28 09:35:13
redazione

18

Il Manchester City ha già trovato un nuovo fenomeno?

2018-11-01 22:00:52
delinquentidelpallone

18