Questa sera, al Wanda Metropolitano di Madrid, Liverpool e Tottenham si giocheranno la Champions League, in una sfida attesissima e interessantissima. Ma ieri sera...

Questa sera, al Wanda Metropolitano di Madrid, Liverpool e Tottenham si giocheranno la Champions League, in una sfida attesissima e interessantissima.

Ma ieri sera si giocava anche la finale di ritorno della Champions League africana, che si gioca sul doppio confronto andata e ritorno, e vedeva in campo l’Esperance Tunisi e il Wydad Casablanca.

All’andata la sfida era finita in parità, con il punteggio di 1-1, e nel match di ieri il punteggio era sull’1-0 in favore dei tunisini, quando è successo un pasticcio clamoroso.

Il Wydad Casablanca aveva segnato il gol del pareggio al 60′, ma l’arbitro ha annullato la rete. Nessun problema, visto che c’era il VAR e si poteva andare serenamente andare a rivedere l’azione con tutta la calma del mondo.

Ecco, invece il VAR non funzionava, hanno provato a sistemarlo per tantissimo tempo, ma non si è riusciti a mettere l’arbitro in condizione di prendere la sua decisione, mentre nel frattempo in campo scoppiavano risse e parapiglia.

L’arbitro ha deciso quindi di non assegnare il gol, e il Wydad Casablanca, per protestare contro questa decisione, ha addirittura abbandonato il campo, costringendo così il direttore di gara ad assegnare la vittoria a tavolino all’Esperance Tunisi, che ha potuto festeggiare il titolo di Campione d’Africa per ritiro dell’avversario.

A niente è servito l’intervento del presidente della CAF, che non è riuscito a calmare la situazione e a convincere i marocchini del Wydad a tornare in campo. Beffa nella beffa: a quanto pare, il gol del pareggio era effettivamente regolare…