E’ stata una battaglia, l’asta di inizio anno. Rilanci, insulti, ingiurie per accaparrarti i migliori giocatori disponibili. Hai battagliato per Destro, e hai lasciato...

E’ stata una battaglia, l’asta di inizio anno. Rilanci, insulti, ingiurie per accaparrarti i migliori giocatori disponibili. Hai battagliato per Destro, e hai lasciato un rene e mezzo per prenderlo, convinto che a Bologna una quindicina di reti le avrebbe messe a segno. Ti sei svenato per Dybala, e poi Allegri ha deciso di lasciarlo in panchina fino a metà ottobre. Hai venduto casa per permetterti Pogba e lui ti ripaga a suon di 5,5 e rigori sbagliati.

E poi, in testa al campionato, trovi quell’amico che durante l’asta avete tutti preso per i fondelli perchè si era fatto scappare tutti i colpacci e con quell’attacco lì sembrava destinato a un campionato mediocre. Invece lui si era portato a casa le sorprese migliori e aveva capito tutto.

Ecco a voi le 10 sorprese e i 10 migliori acquisti che avreste potuto fare (e speriamo per voi abbiate fatto) al Fantacalcio. Parliamo più che altro di rapporto qualità/prezzo. Perchè, se avete preso Higuain, avete anche lasciato mezzo budget sul tavolo, e il minimo sindacale è che vi porti almeno 50 gol.

Prossimamente, vi regaleremo anche i 10 peggiori acquisti, rovinandovi la giornata.

Riccardo Saponara

Il buon Ricky non è quello visto al Milan, ne eravamo certi. Il problema è che per fidarsi di lui, quest’anno, ci voleva parecchio coraggio. L’Empoli aveva lasciato andare Maurizio Sarri e con l’arrivo di Marco Giampaolo si prevedevano barricate e tonnellate di 0-0. Invece Saponara nelle prime giornate si è dimostrato fantacalcisticamente più che affidabile.

Anzi, se siete scappati in testa al campionato dopo le prime giornate, dovete baciare in terra e ringraziare i 3 gol e i 2 assist del fantasista dell’Empoli (che, se vi è andata di lusso, avete preso anche come centrocampista). Certo, state ancora aspettando che rientri dopo che ha deciso di prendersi 3 giornate di squalifica per aver insultato tutto l’albero genealogico dell’arbitro durante Frosinone-Empoli, ma ora che torna saranno di nuovo enormi soddisfazioni.

Nikola Kalinic

Al momento di battagliare per gli attaccanti, i soldi grossi erano già pronti per i grandi calibri: gli Higuain, i Bacca, gli Icardi. Quelli per cui la gente sarebbe stata disposta a svenarsi fino all’inverosimile. Ma senza un attaccante che ti garantisca continuità realizzativa, anche nelle giornate peggiori, il Fantacalcio non si vince.

Tu, invece, genio del male, e malato vero, avevi in serbo, anzi in croato (scusate) la tua carta vincente. Tu, da vero disturbato mentale, l’anno scorso avevi seguito con grandissimo interesse la cavalcata del Dnipro in Europa League e avevi scoperto questo cristone enorme abituato a fare gol. E, una volta saputo che la Fiorentina di Paulo Sousa se l’era portato a casa, avevi esultato. E infatti, nello stupore generale, te lo sei accaparrato spendendo pure poco, magari. E ora ti godi i frutti della tua malattia.

Daniele Baselli

Prendere i calciatori delle squadre di Ventura al Fantacalcio può rivelarsi quasi sempre una scommessa vincente. Tu Baselli lo seguivi dai tempi dell’Atalanta ed eri praticamente certo che quest’anno avrebbe fatto un gran bene. E infatti su di lui hai puntato da subito, e mentre gli altri spendevano per Pogba e per Bertolacci, tu portavi a casa Baselli senza intaccare troppo il tuo budget.

Ripagato da 4 gol, più di quelli di molti attaccanti, e da una media voto ben sopra la sufficienza. E dalla soddisfazione di poterti bullare con tutti gli amici di aver individuato prima degli altri il giovane talento italiano sul quale la nazionale di Conte dovrebbe puntare per Euro 2016

Allan

Il padrone del centrocampo del Napoli, fino all’anno scorso, non era proprio uno di quei giocatori che avresti voluto avere sempre con te nella tua formazione fantacalcistica. Infatti le randellate e i cartellini gialli raccolti dal buon Allan erano sempre in numero superiore ai gol, assist e valutazioni positive. Insomma, uno di quei giocatori che in campo sono indispensabili, ma che al Fantacalcio è probabilmente meglio evitare.

Con Sarri, invece, Allan si è trasformato in un giocatore mortifero pure per il Fantacalcio. Magari te lo sei portato a casa a poche lire, tra gli sfottò dei tuoi avversari che per sbeffeggiarti ti sventolavano immaginari cartellini gialli sotto il naso. Ora, invece, gli puoi sbattere in faccia i 3 gol, i 2 assist e una fantamedia voto di 7,81 sotto il naso.

Gervinho

Durante l’estate l’ivoriano della Roma sembrava destinato ad andare via, spedito a svernare nel Paradiso degli Emirati Uniti. Poi, un po’ perchè Garcia si era impuntato essendo un suo pupillo, un po’ perchè pare avesse chiesto un elicottero personale per spostarsi da casa al campo di allenamento, Gervinho è rimasto alla Roma. Durante l’asta nessuno si è fidato, perchè erano tutti convinti che a fine agosto non sarebbe rimasto in maglia giallorossa o che avrebbe comunque giocato poco. O che, comunque, sbagliando 18 gol a partita, non fosse poi così utile.

Alla faccia: quasi sempre titolare, 5 gol messi a segno. Contando che quasi sicuramente ve lo siete portati a casa per un tozzo di pane o comunque solo per fare numero, non proprio un cattivo affare. Però un pizzico di culo l’avete avuto, ammettetelo.

Marco Borriello

Non ci credevate manco voi. Asta quasi finita, si cerca l’ultimo attaccante per completare il reparto. State scorrendo le ultime notizie di calcio sullo smartphone e incappate in quella che annuncia l’arrivo di Marco Borriello al Carpi. Iniziate a domandarvi dove avesse giocato l’ultima volta, e sforzate la vostra mente per richiamare alla memoria l’ultimo gol segnato dal centravanti che le bomba tutte.

Non vi viene in mente nulla, ma, per rispetto per uno che ha infilzato un po’ tutte le gnagne d’Europa, un po’ per giuoco, un po’ per disperazione, vi portate a casa il Borriellone nazionale. Che, incredibilmente, a Carpi rinasce, prende la squadra sulle spalle e, per due soldi, vi regala pure qualche gol. Che soddisfazione!

Anthony Mounier

Già pensare che qualche sciagurato giocatore del Bologna di questo avvio di campionato potesse essere utile per il tuo Fantacalcio sembra utopico. E invece ce n’è uno che sta facendo godere parecchio i (pochi) fortunati che hanno scelto di puntare su di lui. E’ Anthony Mounier, centrocampista offensivo classe 1987 che fino a poco fa in molti ignoravano. Non nel senso che era stato ignorato dal grande calcio, molti ignoravano proprio esistesse.

In qualche modo, per qualche oscura e inspiegabile ragione (tipo il consiglio dell’amico ludopatico che lo seguiva ai tempi del Montpellier) te lo sei portato a casa, magari offrendo un timido 1. E lui ti ha ripagato con 3 gol finora, sempre se hai avuto il coraggio di schierarlo.

Miralem Pjanic

Ok, non è propriamente un grandissimo affare, perchè quasi sicuramente per portarvi a casa Miralem Pjanic avete sborsato un bel pacco di fantamilionazzi. Solo che, anche fossero stati parecchi, sono già stati tutti ripagati dal primo all’ultimo, visto che Pjanic sta rendendo come un ossesso. 5 gol e 3 assist, e voti sempre parecchio alti. Scommettiamo che l’avete comunque pagato molto meno di Pogba, che invece ha fatto tirare a chi l’ha preso solamente parecchie.

6,88 (ad oggi, senza contare il gol di ieri) la sua media in pagella, 8,56 la sua fantamedia: senza ombra di dubbio il centrocampista migliore del campionato per il Fantacalcio. A ogni punizione siete già lì pronti a tirare fuori la nerchia per fare l’elicottero, ammettetelo.

Valter Birsa

Chi vi avrebbe mai detto che con un giocatore del Chievo vi sareste portati a casa un acquisto di qualità in grado di portare buoni punticini alla vostra causa? Valter Birsa ve lo siete probabilmente accaparrati a un prezzo più che onesto, e lui vi ha già fatto arrivare direttamente a casa vostra 2 gol e 2 assist. Contando che è un tiratore di punizioni più che discreto (vi ricordate dove l’ha messa contro la Lazio, si?) l’affare è garantito.

Ultimamente un po’ in flessione, ma lo sloveno non può mancare in un buon centrocampo fantacalcistico. Anche perchè quasi sicuramente da lui vi aspettavate solo il compitino, qualche sufficienza e un assist di tanto in tanto. Fortunelli.

Marco Sportiello

Quella del portiere è sempre una scelta piuttosto difficile. C’è chi sceglie di affidarsi a un trio di portieri di una big (magari chi ha scelto Buffon-Neto-Rubinho non è stato poi così contento quest’anno) e chi sceglie invece di alternare due portieri di squadre medio-piccole sperando ogni settimana nell’intercessione del Padreterno.

Ecco, se avete puntato su Sportiello, quest’anno, il Padreterno ci ha messo più volte lo zampino. E’ vero, ha subito 11 gol, ma se siete stati fortunati lo avete messo in campo nelle due occasioni in cui ha parato un rigore e vi siete portati a casa la partita proprio grazie alle sue prodezze. O magari quelle erano le due volte in cui avete schierato Belec del Carpi, chissà.