Matteo Guendouzi, la nuova speranza dell’Arsenal Matteo Guendouzi, la nuova speranza dell’Arsenal
Per passare da giocare contro il Valenciennes, nella seconda serie francese (20 aprile 2018, ultima partita giocata in Francia) a giocare contro il Manchester... Matteo Guendouzi, la nuova speranza dell’Arsenal

Per passare da giocare contro il Valenciennes, nella seconda serie francese (20 aprile 2018, ultima partita giocata in Francia) a giocare contro il Manchester City (12 agosto 2018, prima partita giocata in Inghilterra) di sicuro la faccia tosta non deve mancarti.

Ed è proprio quello che è successo a Matteo Guendouzi, il 19enne centrocampista lanciato in questo avvio di stagione da Unai Emery, nuovo allenatore dell’Arsenal.

Nell’estate in cui a Londra, sponda Gunners, è arrivato Lucas Torreira, e nonostante la concorrenza di un altro che ha giocato i Mondiali come Granit Xhaka, a centrocampo si è fatto notare questo ragazzino, che lo scorso anno giocava appunto in Ligue 2, al Lorient.

Eppure, Unai Emery ha puntato subito su di lui, lanciandolo in mezzo al campo nelle prime uscite stagionali dell’Arsenal, tra l’altro mica contro avversari a caso: le prime due partite della sua vita in Premier, infatti, Guendouzi le ha giocate contro Manchester City e Chelsea.

Due sconfitte, vero. Ma due sconfitte in cui il giovane francese è stato indiscutibilmente tra i migliori in campo, vuoi per le carenze dei suoi compagni, vuoi perché almeno lui ci ha messo cuore e anima, vuoi perché la personalità non gli è mancata.

E personalità è proprio la parola chiave: Guendouzi si è conquistato quel posto da titolare con un’ottima preseason, mettendosi in mostra nelle amichevoli giocate dall’Arsenal contro avversari di livello internazionale.

Giocate di livello, coraggio e fiducia. Così, dopo quello che si è visto nel precampionato, Emery non ha avuto nemmeno un dubbio, e complice un Torreira non ancora in grande forma, ha lanciato subito in campo il ragazzino.

Ma che giocatore è Matteo Guendouzi? 185 centimetri, di professione mediano. Se dovessimo azzardare un paragone – con tutti i distinguo del caso ovviamente – potremmo dire che ricorda un po’ Busquets, almeno in termini di quantità e qualità che porta nel centrocampo dei Gunners.

Guendouzi, nelle prime uscite, si è fatto notare per la sua capacità di essere sempre ben posizionato, di saper leggere il gioco e di saper anticipare le giocate degli avversari, facendosi trovare pronto per rubare il pallone e far ripartire l’azione di contropiede dell’Arsenal.

Dopo le prime due partite contro City e Chelsea, proprio per il tanto impegno profuso e per la voglia mostrata, i tifosi dell’Arsenal non hanno avuto nessun dubbio nell’incoronarlo come il miglior giocatore dell’avvio di stagione.

Le altre due uscite hanno visto un Guendouzi un po’ meno vivace, ma forse è normale. A 19 anni, non è da tutti mantenere quei ritmi in Premier League, e soprattutto fare sempre la scelta giusta al momento giusto.

Contro il Cardiff, una partita in cui il pallino del gioco è stato molto più in mano all’Arsenal – che pure ha rischiato di uscire senza i tre punti – Guendouzi ha potuto dedicarsi un po’ di più alla fase di costruzione, che in un centrocampo a due come quello utilizzato da Emery, ha eguale importanza.

La partita di Guendouzi contro il Cardiff – 50 passaggi completati sui 54 tentati (dati via StatsZone)

Il giovane francese ha una buona visione di gioco, e ha dimostrato di non aver paura nel cercare la giocata risolutiva, di voler tentare, non sempre ma spesso, qualcosa di diverso dall’appoggio al compagno più vicino. E anche qui, torniamo al discorso di prima, a quella parolina magica: personalità.

Con l’impiego a pieno regime di Torreira, Guendouzi dovrebbe ragionevolmente accontentarsi di meno spazio, ma tra coppe ed Europa League i minuti non mancheranno. E, anzi, non è detto che, se Guendouzi dovesse continuare il suo percorso di crescita, non dovranno essere gli altri a preoccuparsi di dover riconquistare una maglia da titolare.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro

Related Posts