Manchester United-Manchester City: il riassunto delinquenziale Manchester United-Manchester City: il riassunto delinquenziale
Era una delle partite più attese dell’anno. Il nuovo capitolo della rivalità tra Josè Mourinho e Pep Guardiola. A Old Trafford andava in scena... Manchester United-Manchester City: il riassunto delinquenziale

Era una delle partite più attese dell’anno. Il nuovo capitolo della rivalità tra Josè Mourinho e Pep Guardiola. A Old Trafford andava in scena il derby di Manchester, una partita che valeva il primato in campionato, ma anche molto molto di più.

Ecco come l’abbiamo vissuta insieme a voi, nel nostro riassuntone delinquenziale con i vostri migliori tweet e tutto quanto è arrivato dalla rete durante il match. Con, ovviamente, il consueto contorno di delinquenza che non può non accompagnare partite del genere.

“Se per caso avete bisogno di fingere amore per qualcuno, potete tranquillamente prendere esempio da Josè e Pep”

De Bruyne, l’uomo in cerca di vendetta contro Mourinho, porta avanti il City. Con uno schema da terza categoria, tra l’altro, con lancione lungo, spizzata e difesa dello United addormentata.


Kevin De Bruyne Goal – Manchester United 0-1… di fotlive

Era ora, diamine.

Qualcuno è comunque scettico:

Clattenburg sempre un passo avanti a tutti, in ogni caso.

Iheanacho raddoppia, United che sembra in bambola e partita che lascia quasi presagire un’altra manita di Guardiola a Mourinho…


Kelechi Iheanacho Goal HD – Manchester United 0… di fotlive

Grandi complimenti per la retroguardia dei Red Devils.




Quando il City sembra in controllo, Stones e Bravo, costati quasi un centinaio di milioni insieme, combinano la frittata, e Ibra segna il gol che riapre il match.


Zlatan Ibrahimovic Goal – Manchester United 1-2… di fotlive

Chissà se a Torino la tv di Joe Hart era sintonizzata sul derby.

Però, in effetti…

Nonostante quei capelli, Fellaini grande protagonista. Soprattutto, Massimo Marianella gli vuole bene.

Mourinho invece l’ha presa bene, quasi benissimo.

La partita si innervosisce, Ibra randella il buon Otamendi e si becca il sacrosanto cartellino giallo.

Ma stava giocando Pogba? Sicuri?

Bravo continua a non convincere, nè coi piedi, nè con le mani, nè con niente.

Wayne Rooney decide di rievocare i bei vecchi tempi, quando facevi fallo al portiere con la Q.

E arriva anche il momento del sangue e dell’omaggio a Chiellini.




Ah, ecco chi ci ricordava.

Verso la fine, come sempre, il prode Clattenburg smette di fischiare e lascia correre finché non si scannano.

Il City soffre, si chiude in difesa e anche Stones, per quanto sia stato pagato, scopre che spazzare il pallone in tribuna non è una cosa poi così sbagliata.

Finisce comunque così, 2-1 per il City e quasi abbraccio tra Pep e Mou. Bravi tutti, gran bella partita.