Il calcio italiano non si è fermato nemmeno nel Lunedì di Pasquetta, e ha regalato emozioni con alcuni recuperi della Serie B. In una...

Il calcio italiano non si è fermato nemmeno nel Lunedì di Pasquetta, e ha regalato emozioni con alcuni recuperi della Serie B.

In una delle sfide di giornata, si sono affrontate Avellino e Bari, in una partita molto tesa – caratterizzata da 6 ammonizioni – e risolta al 90′ dal gol di Karamoko Cisse che ha regalato i tre punti ai pugliesi, che si sono imposti con il punteggio di 2-1.

Ma, come spesso accade, la Serie B regala emozioni decisamente imprevedibili, e nel finale di gara è successo un episodio parecchio curioso.

Protagonista del siparietto il portiere del Bari Alessandro Micai: si accende un diverbio, nella sua area di rigore, con l’avellinese Asencio, e l’arbitro Rapuano arriva per estrarre il cartellino giallo.

Qui succede l’imprevedibile.

Il portiere del Bari viene colpito, in maniera assolutamente involontaria, dal braccio dell’arbitro, e stramazza al suolo come colpito a morte.

Tutto sistemato in pochi secondi, con Micai che probabilmente aveva pensato di essere stato colpito da un giocatore avversario e voleva quindi accentuare il contatto.

Ma, in effetti, l’aggressione dell’arbitro è abbastanza inusuale come cosa, anche in Serie B, e quindi si è risolto tutto con una risata nel finale di gara.

Ma che spettacolo questo campionato, in ogni caso.