L’ultima partita in Champions dell’Inter L’ultima partita in Champions dell’Inter
La cifra è tonda, e forse è anche un segno del destino, anzi, un curioso scherzo, più che altro. Stasera, affrontando il Tottenham a... L’ultima partita in Champions dell’Inter

La cifra è tonda, e forse è anche un segno del destino, anzi, un curioso scherzo, più che altro.

Stasera, affrontando il Tottenham a San Siro, l’Inter torna in Champions League, a distanza di sei anni, sei mesi e sei giorni dall’ultima volta. Sì, quel sei-sei-sei che, in genere, simboleggia il Diavolo, il più acerrimo rivale del Biscione nerazzurro.

L’ultima volta che a San Siro si erano sentite le note dell’inno della Champions era il 13 marzo del 2012: la partita era il ritorno degli ottavi di finale contro l’Olympique Marsiglia.

L’Inter di Ranieri aveva superato al primo posto un girone non proprio irreprensibile, che vedeva come avversarie CSKA Mosca, Lille e Trabzonspor, e il sorteggio aveva accoppiato ai nerazzurri, negli ottavi di finale, l’OM di Deschamps.

All’andata, l’Inter era stata beffata, dopo una partita scialba, dal gol segnato da André Ayew al 93′: ma a San Siro non sembrava proibitivo ribaltare il risultato.

L’Inter, in quella partita del 13 marzo 2012, passa in vantaggio con il gol di Milito, ma poi, quando i supplementari sembrano all’orizzonte, Brandao raccoglie un rinvio del portiere Mandanda e in pieno recupero beffa Julio Cesar.

A nulla serve, a un soffio dalla fine, il gol di Pazzini su rigore, che causa anche l’espulsione del portiere francese. Ai quarti va il Marsiglia, e l’Inter, appunto, rivedrà la Champions League solo stasera, sei anni, sei mesi e sei giorni dopo.

Inter (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Poli (29′ st Cambiasso), Stankovic, Zanetti; Sneijder (13′ st Obi); Milito, Forlan (13′ st Pazzini). A disp.: Castellazzi, Ranocchia, Faraoni, Zarate. All.: Ranieri

Olympique Marsiglia (4-2-3-1): Mandanda; Azpilicueta, Diawara, N’Koulou, Morel; Diarra, Mbia; Amalfitano, Valbuena (31′ st Cheyrou), A. Ayew; Remy (43′ st Brandao). A disp.: Bracigliano, Traoré, Fanni, Kaboré, J. Ayew. All.: Deschamps

Arbitro: Proença (POR)
Marcatori: 30′ st Milito (I), 47′ st Brandao (OM), 51′ st rig. Pazzini (I)

Ammoniti: Zanetti, Samuel, Stankovic (I); Diawara, Mandanda (OM)
Espulso: Mandanda (OM) per doppia ammonizione

Related Posts

Le 25 parate più belle del 2016

2017-01-09 15:40:23
delinquentidelpallone

1

Mbappé sempre più verso il PSG: stipendio stellare!

2017-08-19 14:21:13
delinquentidelpallone

1

Romania: 9 gialli e 4 rossi in ASA Targu Mures-Pandurii

2016-03-08 11:25:51
delinquentidelpallone

1

Il campionato più incerto del mondo

2017-12-26 09:57:00
delinquentidelpallone

1

Pelè stronca Neymar: che bordate al brasiliano del Barcellona

2015-12-26 10:32:28
delinquentidelpallone

1

Destri contro mancini: chi vince?

2017-03-04 08:04:57
delinquentidelpallone

1

Parla Bonucci: ecco perché ha lasciato la Juve

2017-07-22 08:29:31
delinquentidelpallone

1

La tripletta di Tim Weah nel mondiale U17

2017-10-21 11:15:36
pagolo

1