L’ultima formazione del Brescia in Serie A L’ultima formazione del Brescia in Serie A
Ieri sera il Lecce ha vinto il big match del campionato cadetto, imponendosi per 1-0 sul Brescia, e agganciando proprio i lombardi al primo... L’ultima formazione del Brescia in Serie A

Ieri sera il Lecce ha vinto il big match del campionato cadetto, imponendosi per 1-0 sul Brescia, e agganciando proprio i lombardi al primo posto in classifica, spegnendo il sogno delle Rondinelle di conquistare la promozione in Serie A con diversi turni di anticipo.

In ogni caso, con tre partite ancora da giocare e un vantaggio di 5 punti sulla terza in classifica, le chance della squadra di Eugenio Corini di conquistare la promozione diretta rimangono abbastanza elevate.

Il Brescia manca dalla Serie A da parecchio tempo: l’ultima apparizione nel massimo campionato risale alla stagione 2010-11, un campionato concluso al penultimo posto, con una retrocessione insieme a Sampdoria e Bari. Da quel momento, il Brescia è rimasto sempre in Serie B, con anche un ripescaggio nel 2015 dopo una retrocessione sul campo, grazie al fallimento del Parma.

Chi c’era a Brescia in quella ultima stagione in Serie A?

In panchina c’era Beppe Iachini, che venne esonerato dopo 15 giornate e sostituito da Mario Beretta; ma dopo cinque sconfitte in sette partite, Beretta venne allontanato, per il ritorno (come spesso gli è accaduto in carriera, tra l’altro) dello stesso Iachini.

La rosa di quel Brescia era decisamente di culto.

In estate erano stati acquistati il portiere Sereni, Daprelà, Zebina, Koné e soprattutto in attacco Alino Diamanti e Edér.

Il capocannoniere di quella stagione però sarà sempre l’Airone, Andrea Caracciolo, con 12 gol, seguito dai 6 segnati da Diamanti ed Edér. In quella squadra, comunque, anche diversi calciatori di culto, come Riccardo Taddei, l’ungherese Feczesin, il paraguaiano Mareco e Davide Lanzafame, oltre a un giovane Hetemaj.

Questa l’ultima formazione schierata dal Brescia in Serie A, una squadra con diverse riserve, che pareggiò per 2-2 con la Fiorentina di Mihajlovic. Da notare soprattutto la strepitosa panchina.

A breve, però, salvo accadimenti al limite del paranormale, dovremmo rivedere il Brescia in Serie A, al termine di una stagione decisamente brillante.

Related Posts

Nelle mani di Hannes Halldorsson

2018-06-16 15:43:41
delinquentidelpallone

1

Solo 3 allenatori come Antonio Conte

2017-05-13 08:56:43
delinquentidelpallone

1

Andre Gray: mai voltarsi indietro

2016-03-18 10:35:21
delinquentidelpallone

1

Le due triplette su punizione della storia della Serie A

2019-03-19 10:30:08
delinquentidelpallone

1

Tutte le squadre qualificate alla prossima Coppa d’Africa

2019-03-25 14:33:38
delinquentidelpallone

1