Oggi, dopo la non proprio fortunata sosta per le Nazionali, torna la Serie A, finalmente. Roma-Lazio e Napoli-Milan apriranno il programma della tredicesima giornata...

Oggi, dopo la non proprio fortunata sosta per le Nazionali, torna la Serie A, finalmente.

Roma-Lazio e Napoli-Milan apriranno il programma della tredicesima giornata di Serie A, una giornata che si preannuncia già importantissima e che potrebbe cominciare a delineare in maniera ancor più netta la classifica.

Se i riflettori saranno puntati forse più sull’Olimpico, per il derby, anche a Napoli la partita sarà molto importante: e, naturalmente, Maurizio Sarri punterà sui suoi titolarissimi, soprattutto davanti.

Insigne, Mertens e Callejon sono i tre punti fermi dell’attacco del Napoli, e anche contro il Milan saranno loro a partire dal primo minuto, visto che dopo l’infortunio di Milik le possibilità di scelta sono ridotte al minimo.

E Lorenzo Insigne, tra i tre, è quello che forse è il punto più fermo: il numero 24 del Napoli, infatti, non si accomoda in panchina – con la maglia del Napoli, visto che purtroppo contro la Svezia non ha visto il campo- da più di un anno.

Embed from Getty Images

Sono 56 le partite consecutive da titolare per Insigne, che l’ultima volta è partito dalla panchina contro il Crotone, il 23 ottobre 2016. Da quel momento, ha giocato 41 partite in Serie A, 11 in Champions e anche 4 in Coppa Italia, tutte da titolare, con un bottino di 26 reti. 

In questa stagione, sono già 1.533 i minuti giocati da Insigne: il giocatore più impiegato da Sarri, visto che ha giocato 3 minuti in più anche rispetto a Pepe Reina…