Lo stato di grazia di Paco Alcácer Lo stato di grazia di Paco Alcácer
Arriva un punto, nella vita e nella carriera di un calciatore, in cui devi dimostrare chi sei e scrollarti di dosso tutti i dubbi.... Lo stato di grazia di Paco Alcácer

Arriva un punto, nella vita e nella carriera di un calciatore, in cui devi dimostrare chi sei e scrollarti di dosso tutti i dubbi.

Per Paco Alcácer, in fondo, quel momento potrebbe essere arrivato: qui e ora.

Difficile trovare, al momento, un calciatore più in forma dell’attaccante spagnolo del Borussia Dortmund. Ieri sera, Paco Alcácer è tornato a indossare la maglia della nazionale a quasi tre anni di distanza dall’ultima volta, una partita di qualificazione agli Europei contro il Lussemburgo, 4-0 per le Furie Rosse e doppietta per l’attaccante all’epoca in forza al Valencia.

Non è andata diversamente ieri sera, contro il Galles: anche ieri sera Paco Alcácer ha lasciato il segno con una dopppietta. Due gol che portano il suo bilancio stagionale a 9 reti segnate.

Certo, non tantissime, direte voi: ma quei 9 gol, Paco Alcácer li ha segnati giocando solo 5 partite, e nemmeno tutte per intero, anzi, tutto il contrario. A Paco Alcácer per segnare 9 gol sono bastati 244 minuti in campo. 

In pratica, un gol ogni 27 minuti.

In Germania, con la maglia del Borussia Dortmund, va ancora meglio. L’attaccante spagnolo ha giocato 4 partite per un totale di 171 minuti, tra campionato e Champions League, per un bottino di 7 gol, uno ogni 24 minuti in campo.

E se in Champions League, contro il Monaco, ha giocato 90 minuti di fila, in Bundesliga il suo score fa letteralmente impressione. Andiamo a vedere, partita per partita, cosa ha combinato Paco Alcácer nel campionato tedesco.

Contro l‘Eintracht di Francoforte entra in campo al 67′, e all’88’ segna il gol del 3-1. Contro il Bayer Leverkusen entra in campo al 63′, e fa doppietta al minuto 85 e 90, segnando i due gol che fissano il punteggio sul 4-2 finale. Contro l’Augsburg, entra in campo al 59′, e mette a segno addirittura una tripletta: al 62′, all’80’ e soprattutto al 96′, con un calcio di punizione che decide la gara all’ultimo respiro.

Insomma, Paco Alcácer è decisamente in stato di grazia, e non ha alcuna intenzione di fermare la sua corsa. Luis Enrique, per il nuovo corso della nazionale spagnola, sembra aver deciso di puntare anche su di lui, che al Barcellona sembrava essersi perso. In Catalogna, infatti, aveva trovato pochissimo spazio: 50 partite in blaugrana, per un totale di 2.287 minuti (45′ di media, in pratica) e la sensazione che non sarebbe mai riuscito a trovare uno spazio da titolare con la maglia del Barcellona.

Oggi, il Borussia Dortmund lo ha rivitalizzato, a 25 anni sembra arrivato il momento di sbocciare, e i tedeschi sembrano avere tutta l’intenzione di riscattarne il cartellino. Paco Alcácer, oggi, è in stato di grazia, e al momento non vuole essere svegliato.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro