Giovani Lo Celso sta incantando tutti a Siviglia Giovani Lo Celso sta incantando tutti a Siviglia
L’altra faccia di Betis Siviglia – Villarreal di domenica sera, che vi abbiamo raccontato dal punto di vista del submarino amarillo e in particolare... Giovani Lo Celso sta incantando tutti a Siviglia

L’altra faccia di Betis Siviglia – Villarreal di domenica sera, che vi abbiamo raccontato dal punto di vista del submarino amarillo e in particolare di Santi Cazorla, ha l’espressione giovane e sorridente del mattatore della gara in questione, il talentuoso argentino Giovani Lo Celso.

Il classe 1996 è stato portato in Europa dal Paris Saint-Germain a inizio 2017, ma era già ben noto agli addetti ai lavori e anche agli appassionati di Football Manager per le sue prodezze in patria con la maglia del Rosario Central, le quali hanno spinto il club parigino a investire su di lui 14 milioni di euro, lasciandolo per metà stagione in Argentina.

Arrivato nel vecchio continente con la fama del trequartista, nella stagione successiva è stato a sorpresa reinventato da Unai Emery, che lo ha proposto da mezzala offensiva (in maniera simile a quanto fatto con Draxler) o addirittura da regista davanti alla difesa, preferendo spostare Verratti più avanti in maniera decisamente controintuitiva.

Poco abituato a dover gestire palla in aree di campo così trafficate e a preoccuparsi di ripiegare e schermare la difesa in fase di non possesso, l’annata con Emery lo ha in ogni caso fatto crescere moltissimo dal punto di vista tattico, e Lo Celso con 48 presenze in tutte le competizioni si è rivelato uno dei protagonisti inattesi della stagione del Psg.

L’arrivo di Thomas Tuchel sulla panchina dei parigini, tecnico noto per aver valorizzato molti giovani nel Mainz e nel Borussia Dortmund, sembrava presagire un ruolo di primo piano per l’argentino, che invece è stato girato in prestito con diritto di riscatto al Betis Siviglia, un ridimensionamento vero e proprio nonostante le ambizioni del club andaluso.

L’allenatore dei betici Quique Setién non ci ha messo molto ad affidare a Lo Celso le chiavi della manovra offensiva della sua squadra, impiegandolo ora come centrocampista centrale ora come trequartista, concedendogli sempre la massima libertà nella fase di rifinitura. Calatosi alla perfezione nella nuova realtà, il nazionale albiceleste ha ripagato il tecnico con grandi prestazioni e gol in quantità: ben 14 in tutte le competizioni, due dei quali al Milan nella fase a gironi d’Europa League.

Impossibile che i tifosi rossoneri abbiano dimenticato la bomba piazzata all’incrocio dal talentuoso centrocampista:

Anche nell’ultimo turno di campionato Lo Celso si è preso la ribalta, con un gol dal coefficiente di difficoltà ancora più elevato, un cucchiaio in corsa con pallone radente al suolo, e ha segnato anche la rete del definitivo 2-1 che ha permesso ai biancoverdi di portare a casa i tre punti.

Il Betis Siviglia con ogni probabilità riscatterà Lo Celso, al prezzo prefissato di 25 milioni di euro, ma a quel punto è praticamente certo che intorno al ragazzo si scatenerà una vera e propria asta tra le grandi d’Europa per accaparrarselo. Che ci sia la possibilità di vedere Giovani Lo Celso splendere nel nostro campionato il prossimo anno?

Alex Campanelli
Twitter: @Campanelli11

Related Posts