Linfield-Celtic: il derby infuocato finisce male Linfield-Celtic: il derby infuocato finisce male
Il match di oggi tra Linfield e Celtic era uno dei più attesi tra quelli dei preliminari di Champions League. Ovviamente, non solamente per... Linfield-Celtic: il derby infuocato finisce male

Il match di oggi tra Linfield e Celtic era uno dei più attesi tra quelli dei preliminari di Champions League.

Ovviamente, non solamente per motivi calcistici. Anzi, possiamo ben dire che il calcio, in questa rivalità, c’entra davvero poco.

Come noto, in Scozia la questione religiosa è presa molto sul serio: e la rivalità tra Celtic e Rangers, a Glasgow, riflette le divisioni tra cattolici e protestanti.

Il Linfield, invece, rappresenta l’anima protestante di Belfast, con tutto quello che ne consegue: gemellaggio con i Rangers e odio, naturalmente ricambiato, per i rivali del Celtic.




A metterci lo zampino, stavolta, erano stati anche i sorteggi della UEFA: il match di andata, a Belfast, era stato programmato per qualche giorno fa, quando nella capitale nordirlandese era in programma la tradizionale Orange Walk, una manifestazione in cui viene ricordata la vittoria di Re Guglielmo d’Orange sullo schieramento cattolico guidati da Giacomo II.

Una marcia che spesso è tutt’altro che pacifica, e che vede tanti tifosi dei Rangers raggiungere quelli del Linfield: nei giorni scorsi era comparso uno striscione intimidatorio e di insulti contro Scott Sinclair, attaccante del Celtic.

Match rinviato a oggi, per evitare sovrapposizioni con un evento che sarebbe stata devastante in termini di pubblica sicurezza.

Chiaro che la partita in programma oggi a Belfast, non sarebbe stata una partita come le altre. E, prevedibilmente, si sono scatenati tafferugli e incidenti in campo, con anche i giocatori protagonisti di intemperanze.

I tifosi del Linfield hanno provocato quelli del Celtic per tutto il tempo, e l’atmosfera si è fatta anche più tesa nel finale di gara.

Con il Celtic già in vantaggio per 2-0, Leigh Griffiths, attaccante del Celtic, prima della battuta di un corner è stato bersagliato da un fitto lancio di oggetti, tra cui alcune bottiglie di liquori…

Queste altre immagini, riprese dagli spalti.

Griffiths, poi, è stato addirittura ammonito dall’arbitro, dopo aver raccolto una delle bottiglie (naturalmente in vetro) e avergliela mostrata.

Altre immagini, però, mostrano la provocazione di Griffiths: prima che arrivasse in campo il grosso delle bottiglie, aveva fatto segno alla tribuna dei sostenitori del Linfield con le mani. 5-1, come una delle ultime roboanti vittorie del Celtic sui Rangers.

Ma non è finita qui: a fine partita, Griffiths ha deciso di prendersi un’ulteriore rivincita: ha preso una sciarpa del Celtic e la ha annodata a uno dei pali della porta del Linfield, scatenando la rabbia dei tifosi di casa, frenati solo dall’intervento della polizia.

Ecco le immagini dell’accaduto.

Insomma, una partita che prometteva scintille e che ha rispettato le attese della vigilia…

Related Posts

Benevento, un punto maledetto che non vuol saperne di arrivare

2017-09-10 18:35:22
delinquentidelpallone

18

Wayne Rooney non finisce mai

2017-08-21 21:07:44
delinquentidelpallone

18

Harry Kane e la maledizione del mese di agosto

2017-08-21 09:33:16
delinquentidelpallone

18

Copa Libertadores: Botafogo-Nacional finisce a mani in faccia

2017-08-11 07:54:46
delinquentidelpallone

18

La maledizione della maglia numero 10 del Real Madrid

2017-07-22 15:22:44
delinquentidelpallone

18

La maledizione della Confederations Cup

2017-06-19 13:49:47
pagolo

18

La maledizione del Parma ’99

2017-06-04 19:38:21
delinquentidelpallone

18

La maledizione di Pepito

2017-05-09 14:03:31
delinquentidelpallone

18

La squadra va male? Tramezzani la manda in fabbrica…

2017-03-14 14:41:09
delinquentidelpallone

18