L’impresa pazzesca dell’Ulm in Coppa di Germania L’impresa pazzesca dell’Ulm in Coppa di Germania
I primi turni delle Coppe Nazionali spesso sono anche i più affascinanti perchè ci permettono di raccontare storie incredibili, come quella accaduta oggi in... L’impresa pazzesca dell’Ulm in Coppa di Germania

I primi turni delle Coppe Nazionali spesso sono anche i più affascinanti perchè ci permettono di raccontare storie incredibili, come quella accaduta oggi in Coppa di Germania.

Intanto facciamo un piccolo passo indietro: per chi non lo sapesse nella passata stagione a vincere la Coppa fu l’Eintracht di Francoforte battendo in finale il Bayern di Monaco, con l’allenatore dell’Eintracht Niko Kovac che aveva già firmato per il Bayern.

Un successo storico per l’Eintracht, sia per la differenza di valore rispetto all’avversario, sia per la storia legata all’allenatore Kovac, che molti vedevano già proiettato nella sua nuova avventura.

Oggi l’Eintracht del nuovo allenatore Adolf Hütter, ex Young Boys, scendeva in campo in Coppa per difendere il titolo contro l’Ulm, una squadra della Regionalliga Sudwest, la quarta serie del calcio tedesco, una lega semi-professionistica.

Tutto lasciava presagire un successo agevole, una passeggiata, un allenamento per mettere minuti nelle gambe in vista della stagione di Bundesliga che si preannuncia molto difficile e combattuta.

Invece il calcio d’Agosto è bello perchè può succedere letteralmente di tutto, specie nelle partite di Coppa. Può succedere che una squadra poco più che amatoriale come l’Ulm batta i campioni in carica e li estrometta dalla competizione.

È successo pochi minuti fa: l’Ulm ha vinto per 2-1 la partita, dopo che era in vantaggio addirittura per 2-0, prima che Goncalo Paciencia segnasse al 90′ per ridare un minimo di speranza ai suoi. Ma era ormai troppo tardi e la storia già scritta.

Al fischio finale la gioia è incontenibile, Steffen Kienle e Vitalij Lux, gli autori del gol vittoria, stentano a realizzare ciò che è appena accaduto.

Da una parte teste basse, visi colmi di vergogna e sconforto. Dall’altra l’entusiasmo di chi aveva un’occasione nella vita e l’ha sfruttata nel migliore dei modi, entrando nella storia.

Related Posts

Euro 2016: la top 11 degli assenti

2016-06-06 21:22:26
delinquentidelpallone

1

Dalla Provincia ai trionfi europei: la storia del grande Parma

2015-03-02 11:42:35
delinquentidelpallone

1

Cassano : clamoroso dietrofront?

2017-07-18 12:20:48
pagolo

1

Kasper Schmeichel: l’eroe sconfitto

2018-07-02 12:39:28
pagolo

1

Come si fa a giocare così?

2017-01-24 10:35:40
delinquentidelpallone

1

La classifica marcatori della SuperLeague cinese è di culto

2018-11-08 11:58:40
delinquentidelpallone

1

Il gran gol di Geoffrey Kondogbia contro l’Espanyol

2017-11-19 19:29:29
delinquentidelpallone

1