La vittoria del Barcellona nel Clasico di domenica sera, con il gol di Leo Messi al 92′, ha riaperto la Liga. Mancano ormai 4...

La vittoria del Barcellona nel Clasico di domenica sera, con il gol di Leo Messi al 92′, ha riaperto la Liga.

Mancano ormai 4 giornate alla fine del campionato, con Real Madrid e Barcellona appaiate a quota 78, ma con i Blancos che devono recuperare ancora una partita in casa del Celta Vigo.

Il Barcellona, quindi, per sperare di portare a casa il campionato, deve sperare in un passo falso dei rivali, passo falso che però sembra essere molto complicato, visto il livello medio della Liga e il calendario da qui alla fine.

In questi giorni, però, è nata una polemica che in breve tempo è diventata infuocata. E coinvolge il Malaga allenato dall’ex madridista Michel.

Il Malaga, infatti, affronterà il  Real all’ultima giornata, il 21 maggio, quando il Barcellona sarà impegnato contro l’Eibar. Michel, però, ha fatto capire chiaramente che lui preferirebbe una vittoria del Real Madrid nel confronto con il Barcellona.

“Preferirei che prima dell’ultima giornata fosse tutto deciso. Preferisco fare da sparring partner alla mia ex squadra piuttosto che darle battaglia, ma, alla fine, io sono un professionista”.

Insomma, dichiarazioni alquanto controverse, che hanno ovviamente scatenato i tifosi del Barcellona, che sui social network ci sono andati giù pesanti.

A quel punto, in un tweet, anche il Presidente del Malaga è entrato a gamba tesa sulla questione. Rispondendo a uno dei tanti tifosi del Barcellona che lo hanno contattato su Twitter, lo sceicco Al Thani ha risposto così. “Con l’aiuto di Dio, vinceremo sul campo. Ma, dopo le sue bugie su Michel, la feccia della Catalogna non sentirà l’odore del campionato”.

Indignazione massima, e Barcellona che ha fatto un durissimo comunicato stampa in cui denuncia la situazione:  “Il Barcellona esprime il proprio rifiuto e la propria indignazione per il contenuto del tweet pubblicato dal presidente del Malaga CF, Abdullah Al-Thani, con dichiarazioni che violano i principi del fair play, dell’etica e della legalità che devono sempre regnare in una competizione sportiva.

Per questo motivo, il Club denuncerà questo episodio di fronte il Comitato Antiviolenza del Consiglio Superiore dello Sport e porterà la questione davanti al Comitato di Competizione della Reale Federazione Spagnola di Calcio e al Dipartimento d’Integrità della Liga.”

Situazione calma e tranquilla, a quanto pare: vedremo cosa succederà nelle prossime giornate della Liga e come risponderanno da Madrid a queste accuse dalla Catalogna.