Certe volte, certi giocatori fanno dei giri immensi ma, al contrario degli amori cantati da Venditti, non ritornano. È il caso, per esempio, di...

Certe volte, certi giocatori fanno dei giri immensi ma, al contrario degli amori cantati da Venditti, non ritornano.

È il caso, per esempio, di Samuele Longo, attaccante cresciuto nelle giovanili dell’Inter che negli ultimi anni ha messo insieme una serie quasi incredibile di prestiti, in Italia e all’estero.

Nel 2012 Longo fu tra i protagonisti della vittoria della NextGen Series (l’antesignana della Youth League) con la maglia dell’Inter, segnando anche un gol nella finale vinta dalla squadra di Stramaccioni contro l’Ajax.

In quella stagione, all’ultima giornata, Samuele Longo riuscì anche a fare l’esordio con la maglia dell’Inter in SeriE A. E quella presenza, il 13 maggio 2012, è anche l’unica volta in cui Longo è riuscito a indossare la maglia dell’Inter nella massima serie (giocò, ad agosto 2012, anche una partita dei preliminari di Europa League).

Da quel momento, Samuele Longo ha cominciato a girare in prestito, e non si è ancora fermato.

E, anzi, oggi è arrivata anche l’ufficialità di una nuova avventura: da oggi, infatti, l’attaccante classe 1992, è un nuovo giocatore del Tenerife, Segunda Divisiòn spagnola.

Proprio in Segunda Division, l’anno scorso, Longo aveva disputato un’ottima stagione con la maglia del Girona, segnando 14 gol nella stagione della promozione della squadra in Liga.

Ma il destino dei giramondo in prestito, è quello di non poter godere del frutto delle proprie imprese: l’Inter ha trovato l’accordo con il Tenerife, e ora Longo dovrà “retrocedere” nuovamente in seconda serie.

Prima di oggi, Longo era stato in prestito all’Espanyol, al Verona, al Rayo Vallecano, al Cagliari, al Frosinone, e appunto al Girona.

Prima di una nuova avventura, che chissà dove lo potrà portare. Ma, in fondo, è anche un p0′ il destino di certi cavalieri erranti del pallone, quello di non sapere cosa riserverà il futuro.