L’emozionante esordio di Daniel James L’emozionante esordio di Daniel James
A 16 minuti dalla fine della partita d’esordio dei Red Devils in Premier League per la stagione 2019-20 il campo non ha ormai molto... L’emozionante esordio di Daniel James

A 16 minuti dalla fine della partita d’esordio dei Red Devils in Premier League per la stagione 2019-20 il campo non ha ormai molto più da dire.

È stata una partita strana, ma il Manchester United adesso ce l’ha saldamente tra le mani: la squadra di Solskjaer ha rischiato di andare sotto, ma il palo ha salvato De Gea sulla botta di Abraham, poi è passata in vantaggio con il rigore di Rashford e ci ha pensato di nuovo il legno a salvare il portiere spagnolo dello United sulla conclusione di Emerson Palmieri.

Nella ripresa, però, il Chelsea, condizionato anche dalle tante assenze, si è sciolto. Paul Pogba è salito in cattedra e lo United ha segnato prima il 2-0 con Martial, e poi addirittura il terzo gol con Rashford.

Quando Andreas Pereira lascia il campo a Daniel James mancano 16 minuti al triplice fischio, e il risultato non è più in discussione. Per il ragazzo che sta entrando in campo, però, quei 16 minuti più recupero e quel pomeriggio a Old Trafford stanno per diventare un ricordo indelebile, da conservare nel cassetto delle memorie più belle.

Quest’estate Daniel James, 21 anni, si è trasferito a Manchester dopo essersi messo in mostra in Championship con la maglia dello Swansea. Con la partita ormai in ghiaccio, Ole Gunnar Solskjaer decide di regalargli l’esordio in Premier League, per fargli prendere confidenza con il suo nuovo stadio e il suo nuovo mondo.

Bastano 5 minuti per lasciare il segno. Paul Pogba parte in progressione, si infila in mezzo alla difesa del Chelsea e trova un varco per servire James, che sta arrivando dalla corsia di destra a tutta velocità. Il ragazzo si ferma, fa una finta e conclude a rete. Siccome il destino ha deciso che questo deve essere il suo pomeriggio, il tiro incrocia una gamba avversaria e trova la strada spianata verso la porta, per il gol del 4-0.

Daniel James corre ad esultare verso la bandierina, travolto dall’affetto dei compagni. E mentre gli occhi cominciano a ingolfarsi di lacrime, il suo dito si alza verso il cielo. Un pensiero al padre, che lo ha seguito in tutta la sua carriera ma nel maggio scorso è venuto a mancare, senza poter vedere il figlio realizzare un sogno che i due avrebbero sicuramente condiviso.

È stato davvero incredibile. Sarebbe stato bellissimo se lui fosse stato qui oggi, ma non è andata così, e questo gol è dedicato a lui“.

Un gol all’esordio in Premier League è sempre qualcosa di speciale. Poterlo dedicare a qualcuno di importante, sapendo di averlo reso orgoglioso di te, ovunque egli sia in questo momento, è qualcosa di indescrivibile, che lascia sulla pelle brividi veri.

Valerio Nicastro
twitter: @valerionicastro