Con il pareggio di ieri sera, e la conseguente vittoria nel doppio confronto della Svezia sull’Italia, sono salite a 29 le squadre che hanno...

Con il pareggio di ieri sera, e la conseguente vittoria nel doppio confronto della Svezia sull’Italia, sono salite a 29 le squadre che hanno già staccato il pass per Russia 2018.

Un appuntamento che l’Italia non poteva e non doveva fallire e che invece si ritroverà a dover guardare dal divano, interrogandosi sulle misure da adottare per far ripartire un movimento apparso in crisi come mai accaduto in tempi recenti.

Il dato è ancor più clamoroso se si considera che questa degli Azzurri è la prima esclusione da un Mondiale dal 1958, quando la Nazionale non riuscì a qualificarsi perdendo contro l’Irlanda del Nord in una partita veramente incredibile

Se consideriamo invece i Mondiali disputati dal 1998, ovvero quelli di Francia, Corea e Giappone, Germania, Sud Africa, Brasile e quello che si disputerà in Russia questa estate, solo 9 Nazionali sono riuscite a centrare sempre la qualificazione (o comunque ad ottenere la partecipazione, essendo in qualche caso paesi ospitanti).

Alcune di queste sono squadre formidabili, che hanno recitato quasi sempre il ruolo di protagoniste in epoca recente, altre sono abbastanza sorprendenti. Andiamo a vederle nel dettaglio.

Ovviamente troviamo il Brasile, che ha vinto l’edizione del 2002, la Germania, campione nell’ultima edizione del 2014, l’Argentina, che ha sudato le proverbiali 7 camicie per qualificarsi in Russia, la Spagna, vincitrice dell’edizione in Sudafrica, la Francia, campione in casa nel ’98, il Messico, l’Inghilterra, la Corea del Sud ed infine il Giappone.

Sono quindi 9 in tutto le squadre che dal 1998 partecipano ininterrottamente ai Mondiali: non un numero così elevato e da notare anche la presenza di compagini non certo di livello elevatissimo come Corea del Sud e Giappone (comunque agevolate dal fatto di aver ottenuto l’assegnazione dei Mondiali nel 2002). Bene anche il Messico che pur non avendo quasi mai avuto rose stratosferiche è riuscito sempre a centrare l’obiettivo.

Ovviamente in questo discorso va anche considerato il livello di difficoltà dei raggruppamenti in base all’area geografica, ed il valore di queste squadre in rapporto alle avversarie da affrontare.

Per intenderci, se è vero che squadre come Messico Corea del Sud e Giappone sono indubbiamente inferiori alle altre 6 facenti parte di questa cerchia ristretta, è altrettanto vero che le avversarie con cui devono giocarsi la qualificazione sono spesso di livello inferiore al loro, rendendo il percorso di qualificazione non così arduo.

In ogni caso va dato il giusto merito a queste Nazionali, per la continuità di risultati dimostrata e la capacità di programmazione in vista degli eventi più importanti.