Le punizioni di Pierre van Hooijdonk erano delle opere d’arte Le punizioni di Pierre van Hooijdonk erano delle opere d’arte
Impossibile dimenticare Pierre van Hooijdonk, veramente impossibile. L’attaccante olandese è stato uno dei calciatori più iconici della sua generazione: non solo dal punto di vista... Le punizioni di Pierre van Hooijdonk erano delle opere d’arte

Impossibile dimenticare Pierre van Hooijdonk, veramente impossibile.

L’attaccante olandese è stato uno dei calciatori più iconici della sua generazione: non solo dal punto di vista tecnico, visto che è stato un attaccante abbastanza atipico, fuori dagli schemi dell’epoca, quanto anche dal punto di vista umano.

Infatti, van Hooijdonk ha girato l’Europa, si è fatto notare per prese di posizione non sempre banali, per essere sceso a giocare in Championship con il Nottingham Forest nonostante fosse nel pieno della carriera, o per essersi fatto praticamente cacciare dal Celtic dopo i dissidi con la dirigenza.

Ma Pierre van Hooijdonk verrà ricordato, principalmente, per i suoi magici calci di punizione.

Un rituale sempre uguale, una rincorsa diventata quasi una routine, il pallone che andava quasi sempre dalla stessa parte. Eppure, in pochi riuscivano a fermare quei calci di punizione, che avevano una caratteristica speciale: erano potenti e precisi allo stesso tempo, qualcosa che difficilmente si poteva trovare nello stesso piede.

In carriera, van Hooijdonk ha segnato quasi 400 gol, e molti di questi sono arrivati proprio da calcio piazzato. Andare a rivedere alcuni di questi gol fa scendere la lacrimuccia.

La carriera di van Hooijdonk rimane probabilmente legata a una delle imprese più belle della sua carriera, ovvero quando, nel 2001, guidò il Feyenoord alla conquista di una insperata Coppa UEFA.

E uno dei suoi gol più famosi segnati con quella maglia arrivò, qualche anno dopo, il 18 settembre 2002, contro la Juventus, beffando quello che al momento – e per parecchio tempo ancora – era il miglior portiere del mondo, Gianluigi Buffon.

Animated GIF - Find & Share on GIPHY

L’attaccante olandese è stato un modello per molti calciatori della sua generazione, e avrebbe ispirato tanti altri talenti olandesi. Vedendo quello che è successo dopo, possiamo tranquillamente dire che ha fatto un ottimo lavoro…

Related Posts

Ciccio Tavano non smette di stupire

2019-05-14 15:39:15
delinquentidelpallone

18

La lunga rincorsa di Giovanni Di Lorenzo

2019-05-13 19:55:14
delinquentidelpallone

18

L’ultimo volo di Robin Van Persie

2019-05-13 12:59:33
redazione

18

I 10 migliori tiratori di punizioni degli ultimi 3 anni

2019-05-06 13:27:15
delinquentidelpallone

18

Donny van de Beek sa prevedere il futuro

2019-05-01 14:53:14
delinquentidelpallone

18

10 giovani terzini a basso costo per Football Manager 2019

2019-04-29 09:16:46
delinquentidelpallone

18