Le prime parole di Ribery da giocatore della Fiorentina Le prime parole di Ribery da giocatore della Fiorentina
Con una trattativa durata pochissimo, al contrario di molte altre che stanno animando il mercato da diverse settimane, la Fiorentina ieri ha annunciato l’arrivo... Le prime parole di Ribery da giocatore della Fiorentina

Con una trattativa durata pochissimo, al contrario di molte altre che stanno animando il mercato da diverse settimane, la Fiorentina ieri ha annunciato l’arrivo dello svincolato Franck Ribery.

Un colpo molto importante per i viola, ma anche per il calcio italiano, che vede così arrivare un giocatore di livello mondiale – anche se non più nel fiore degli anni – in Serie A.

Oggi pomeriggio Ribery è stato presentato ufficialmente dalla Fiorentina, in una affollata conferenza stampa.

Queste le frasi più importanti e significative della conferenza stampa di presentazione di Ribery, che ha affrontato diversi argomenti e si è aperto su molte tematiche.

Una delle prime domande è stata quella sullo stimolo dell’avventura in Italia e sulla sua opinione sulla Serie A: “È un grande torneo con grandi calciatori. L’Inter ha fatto un bel mercato come la Juventus. Qui la gente ama e vive per il calcio. E’ una bellissima esperienza e io voglio divertirmi in campo”.

Ribery non sembra intenzionato a vivere un’avventura di passaggio a Firenze: “Il calcio è la mia vita. E’ la ragione per cui sono voluto rimanere in Europa. Sono stato fortunato a trovare la Fiorentina, spero di poter giocare fino a 40 anni come Totti“.

Quando gli è stato chiesto se fosse venuto in Italia per poter sfidare Cristiano Ronaldo, Ribery è stato piuttosto lapidario: “Sono venuto qua per aiutare la mia squadra che è la Fiorentina. Non sono qui per fare concorrenza a Ronaldo“.

Ribery vuole anche essere un punto di riferimento nello spogliatoio per i tanti giovani della Fiorentina:Penso al 2006, quando giocavo con Zidane, Vieira e Trezeguet che mi hanno insegnato tante cose. Io voglio fare lo stesso con i giovani, che però devono sempre avere la fame di giocare. Oggi vediamo giovani che dopo 3 partite pensano di essere arrivati. Non è così, si devono allenare. Io sono arrivato a vincere tutto perché mi sono allenato tutti i giorni“.

E, infine, un momento molto emozionante, in cui il calciatore ha lasciato lo spazio all’uomo: “Sono cresciuto per strada ma sono una persona con dei valori: per me è importante non dimenticare mai da dove si viene. Sono una persona semplice e sono rispettoso delle persone che mi circondano. Ho avuto questo grave incidente, ma ha formato il mio carattere e mi ha aiutato ad avere un grande cuore. Se posso aiutare la gente lo faccio. Siamo gente semplice, io sono solo un uomo“.

Related Posts

Franck Ribery non è venuto in Italia in vacanza

2019-09-14 15:30:24
delinquentidelpallone

18

Franck Ribery meritava il Pallone d’oro nel 2013?

2019-09-09 13:22:38
delinquentidelpallone

18

Le parole di Paratici su Guardiola prima di Samp-Juve

2019-05-26 16:30:24
delinquentidelpallone

18

Le parole di Maurizio Sarri sul suo futuro

2019-05-22 13:13:30
delinquentidelpallone

18

L’addio perfetto di Robben e Ribery

2019-05-18 15:56:20
delinquentidelpallone

18

Le parole di Florenzi sulla lite con Cristiano Ronaldo

2019-05-12 21:26:40
delinquentidelpallone

18

Le parole di Vincenzo Montella dopo la sconfitta contro il Milan

2019-05-11 21:25:48
delinquentidelpallone

18