Le partite di stasera valevoli per le qualificazioni ad Euro 2020 sono state folli Le partite di stasera valevoli per le qualificazioni ad Euro 2020 sono state folli
Questa sera gli occhi degli appassionati di calcio in Italia erano quasi tutti indirizzati verso la partita degli Azzurri contro il Liechtenstein, conclusasi con... Le partite di stasera valevoli per le qualificazioni ad Euro 2020 sono state folli

Questa sera gli occhi degli appassionati di calcio in Italia erano quasi tutti indirizzati verso la partita degli Azzurri contro il Liechtenstein, conclusasi con una brillante vittoria per 6-0.

Non era però l’unica partita in programma, in quanto si giocava anche nel gruppo D, nel gruppo F e nel J, dove oltre all’Italia erano in programma le sfide Bosnia-Grecia e Armenia-Finlandia.

Se stavate guardando l’Italia, oltre a godervi un’ottima prestazione degli Azzurri, vi siete persi alcune partite folli, nel senso letterale del termine.

In particolare Svizzera-Danimarca, Norvegia-Svezia e la sopracitata Bosnia-Grecia hanno regalato emozioni a profusione, con ribaltamenti di risultato imponderabili.

Iniziamo da Svizzera-Danimarca dove i padroni di casa conducevano per 3-0 fino al minuto 84 dopo di che la Danimarca si è svegliata e in 6 minuti ha piazzato 3 gol, un epilogo assolutamente senza senso.

Proseguiamo con Norvegia-Svezia, una sorta di derby del Nord Europa, finito anch’esso con il risultato di 3-3 ed un andamento molto simile.

Fino al minuto 70 la Norvegia era avanti di due reti e Granqvist aveva appena sbagliato un rigore. Poi è partita la rimonta, con gli svedesi che si sono portati addirittura in vantaggio per 2-3 grazie alla doppietta di Robin Quaison.

Quando tutto sembrava fatt è arrivato il gol di Ola Kamara a ristabilire la parità.

Per finire Bosnia-Grecia, partita sempre molto sentita come dimostra l’ultimo precedente, in cui Dzeko e Manolas erano stati protagonisti di storie molto tese.

Questa sera giocava solo Edin Dzeko ma la partita è finita comunque male: a farne le spese è stato Pjanic che si è beccato un rosso diretto che ha compromesso il risultato della sua squadra.

In vantaggio 2-0 la Bosnia si è fatta rimontare e la partita è terminata 2-2: prima Visca e poi lo stesso Pjanic (su punizione) avevano portato avanti i padroni di casa, Fortounis ha accorciato le distanze su calcio di rigore e Kolovos ha fissato il risultato sul definitivo 2-2.

Come avete potuto vedere è successo veramente di tutto, con risultati imponderabili e rimonte al cardiopalma.