Le parole di Stefano Pioli alla fine di Milan-Juve Le parole di Stefano Pioli alla fine di Milan-Juve
Il pareggio per 1-1 nella semifinale di andata tra Milan e Juventus ha lasciato un po’ di amaro in bocca tra i rossoneri, che... Le parole di Stefano Pioli alla fine di Milan-Juve

Il pareggio per 1-1 nella semifinale di andata tra Milan e Juventus ha lasciato un po’ di amaro in bocca tra i rossoneri, che ora dovranno cercare l’impresa in casa dei bianconeri.

Al termine della gara, Stefano Pioli ha parlato anche e soprattutto dell’episodio finale, il rigore assegnato alla Juve per il tocco di mano di Calabria sulla rovesciata di Ronaldo.

Questo il commento di Pioli ai microfoni di Raisport:

I miei giocatori non devono avere rimpianti, forse qualcun altro sì. Volevamo e meritavamo un risultato diverso, ma questa è solo la partita di andata, cercheremo di fare meglio al ritorno“.

Questo invece il commento sul calcio di rigore assegnato alla Juventus:

Mi sono arrabbiato perchè c’era un fallo su Ibrahimovic a inizio azione. Poi mi ricordo che alla riunione con gli arbitri fecero vedere il rigore di Cagliari-Brescia e dissero che quello era un errore, credo che la situazione sia esattamente la stessa“.

Chi ha giocato a calcio sa che saltare significa usare le braccia, un giocatore non può scomparire. Sono un po’ confuso perché non si capisce più quali falli di mano fischiare e quali no“.

Una chiusura abbastanza ermetica, poi:

Mi sento orgoglioso della squadra, un po’ meno orgoglioso di altre cose“.

E, infine, qualche parola su Ante Rebic, uno dei migliori in questo periodo:

Giocare vicino a Ibra lo ha avvantaggiato, mi auguro mantenga questa determinazione e questa qualità perché sta diventando un giocatore molto importante per noi“.