L’impresa della Roma, che ha eliminato il Barcellona con un sonoro 3-0, ha forse offuscato un po’ l’altra grande prestazione dei quarti di finale...

L’impresa della Roma, che ha eliminato il Barcellona con un sonoro 3-0, ha forse offuscato un po’ l’altra grande prestazione dei quarti di finale di Champions League, vale a dire il passaggio del turno del Liverpool, che è arrivato in semifinale rifilando 5 gol tra andata e ritorno al Manchester City di Pep Guardiola, una squadra che – almeno in patria – quest’anno era sembrata una macchina da calcio.

Nonostante il tecnico catalano abbia avuto parecchio da ridire con l’arbitro, il confronto è stato vinto clamorosamente da Jurgen Klopp, la cui idea di calcio ha trionfato su quella di Guardiola.

E, oggi, alla luce di quanto visto ieri sera, suonano beffarde le parole che il tecnico tedesco aveva riservato al Barcellona – che era stato guidato fino all’anno prima da Pep – nel 2013.

Klopp, all’epoca sulla panchina del Borussia Dortmund, e considerato uno degli allenatori emergenti più interessanti, aveva liquidato così il tiqui taca del Barcellona:

Se il Barcellona delle ultime quattro stagioni fosse stata la prima squadra che ho visto a quattro anni…una squadra che vinceva senza difficoltà per 5-0 o 6-0…penso proprio che avrei giocato a tennis. Mi spiace, ma per me vincere in quel modo non è abbastanza.

Ciò che mi piace del calcio è che ci sono alcune cose che puoi fare perchè ciascuna delle due squadre possa vincere la partita“.

Un modo diverso di vedere il calcio, e poi un elogio al calcio all’inglese, che qualche anno dopo lo avrebbe visto protagonista.

Non è il calcio tranquillo che mi piace, ma quello combattutoCiò che in Germania definiamo ‘calcio all’inglese’: pioggia, campo pesante, calciatori con la faccia sporca di fango che tornano poi a casa e non possono giocare per le successive quattro settimane. Questa è la filosofia di calcio del Borussia“.

Con la vittoria di ieri sera, Klopp è diventato il primo allenatore a sconfiggere per 3 volte nella stessa stagione una squadra allenata da Pep Guardiola.

E, leggendo le frasi del 2013 che vi abbiamo appena riportato, immaginiamo che per l’allenatore tedesco sia stata una soddisfazione parecchio appagante.