Le due movimentate partite di Mile Svilar contro lo United Le due movimentate partite di Mile Svilar contro lo United
Il terzo e il quarto turno di Champions League sono sempre molto particolari, perché in pratica vedono una sorta di andata e ritorno nel... Le due movimentate partite di Mile Svilar contro lo United

Il terzo e il quarto turno di Champions League sono sempre molto particolari, perché in pratica vedono una sorta di andata e ritorno nel giro di due settimane, con due squadre che si affrontano a distanza ravvicinata in casa e in trasferta.

Così, negli ultimi due turni della manifestazione continentale, al Benfica è toccata la sorte di affrontare per due volte il Manchester United.

Due partite che per Mile Svilar, diciottenne portiere belga del Benfica, sono state decisamente movimentate: le prime due della sua carriera in Champions League, infatti, hanno visto succedere praticamente di tutto, e il ragazzino forse non le dimenticherà mai.

Nella gara di andata a Lisbona, Svilar fece un’ottima partita, opponendosi ai tanti tentativi del Manchester United di sbloccare la gara.




Una prestazione ottima, macchiata però da un pesantissimo errore: Svilar si porta dietro la linea un’innocua punizione di Rashford, consentendo allo United di andare in vantaggio.

A fine gara, il connazionale Lukaku si avvicina per consolarlo, facendogli anche i complimenti per la bella partita.

Ieri sera, Svilar è partito ancora da titolare a Old Trafford: e la sua partita era cominciata molto bene, visto che al quindicesimo minuto ha parato il calcio di rigore tirato da Martial.

Una parata che gli ha permesso di entrare nel libro dei record della Champions League: Svilar è diventato il portiere più giovane a parare un rigore in Champions League, a 18 anni e 65 giorni.

La sfortuna, però, aveva evidentemente deciso di prenderlo di mira. Perché allo scadere del primo tempo, il Manchester United si porta in vantaggio, con un gol rocambolesco.

Siluro di Matic dalla distanza, palla che sbatte sul palo e carambola sulla schiena dell’incolpevole e sfortunatissimo portiere belga del Benfica. Per gli archivi, questo resterà un autogol di Svilar…

Due partite, 180 minuti, una quantità di emozioni che il ragazzo difficilmente dimenticherà. Lui, comunque, ha dichiarato che giocare a Old Trafford è stato qualcosa di speciale: “non mentirò, è stato davvero spettacolare giocare nel Teatro dei Sogni, alla mia età“.