Oggi pomeriggio – a partire dalle ore 16, potete seguire insieme a noi su Twitter la diretta – Mosca avrà gli occhi del mondo...

Oggi pomeriggio – a partire dalle ore 16, potete seguire insieme a noi su Twitter la diretta – Mosca avrà gli occhi del mondo puntati addosso: saranno infatti sorteggiati gli 8 gironi dei Mondiali di Russia 2018.

Nei giorni scorsi vi abbiamo presentato tutte le fasce del sorteggio e, per passare un po’ di tempo, lo abbiamo anche simulato.

Adesso, però, è arrivato il momento di cominciare a pensare davvero a questi benedetti Mondiali, e, purtroppo, anche al fatto che l’Italia non ci sarà, come tutti ben saprete.

Quindi, quando arriverà giugno, saremo di fronte a un bel problema: per chi fare il tifo?

Nel giorno del sorteggio, per cominciare a darvi qualche indicazione, vi diciamo per chi faremo il tifo noi, per chi simpatizzeremo, e chi seguiremo con molta attenzione. Ecco le squadre per cui noi faremo il tifo ai prossimi Mondiali, e soprattutto perché.

1. Panama

La nazionale di Panama è quella con l’età media più alta tra le partecipanti ai Mondiali. La squadra del Bolillo Hernan Dario Gomez ha ottenuto la prima storica qualificazione e sarà probabilmente una di quelle squadre che tutti vorranno nel loro girone.

Loro, però, come dimostrato durante la fase di qualificazione, in cui hanno fatto fuori niente meno che gli USA, sono una bella e allegra combriccola di banditi (vedere qui per credere) pronti a randellare ed elargire schiaffoni a destra e a manca, quindi immaginiamo che in Russia potrebbero farci divertire parecchio.

2. Croazia

Tra le squadre europee, la Croazia è una di quelle con più rappresentanti del calcio italiano: nonché, con un bel numero di caratterini niente male che potrebbero far finire a mani in faccia qualsiasi partita. Tra Marione Mandzukic, Perisic, Brozovic, Kalinic, Strinic, potremmo mettere in piedi una rappresentativa della nostra Serie A.

Embed from Getty Images

Come sempre, la Croazia ha così tanto talento (acceso dalle idee e dalle magie di un Modric sempre più padrone della squadra) da poter essere anche una delle outsider del torneo. Fino ai quarti di finale potrebbero arrivare anche agevolmente, poi, da lì in poi, il nostro sogno è vederli andare avanti a suon di ceffoni.

3. Egitto

Due i motivi per fare il tifo per l’Egitto: Momo Salah che si prende la squadra sulle spalle, e Hector Cuper sulla panchina. Chissà, magari, dopo una vita passata a perdere finali, il tecnico argentino potrebbe andare in finale ai Mondiali e andare a vincerli, no?

No, forse in effetti stiamo esagerando. Lo scorso inverno, comunque, Cuper è riuscito nella triste impresa di perdere un’altra finale, quella di Coppa D’Africa. Quindi, noi, mossi a compassione, ai Mondiali avremo un occhio di riguardo per la nazionale dei Faraoni.

4. Islanda

Dopo l’entusiasmante avventura a Euro 2016 (anche se ha lasciato in eredità forse un po’ troppi Geyser Sound in giro per il mondo…) non si può non fare il tifo per i Vichinghi d’Islanda.

Embed from Getty Images

I ragazzi partono in terza fascia, motivo per cui il sorteggio non sarà agevole. Ma, in ogni caso, è vero anche il contrario: nessuno, probabilmente, vorrà pescare l’Islanda in terza fascia. Noi, nel dubbio, il tifo per loro continueremo a farlo, matto e disperato, magari sperando di veder impazzire ancora una volta il loro telecronista…

5. Uruguay

E, infine, andiamo a pescare anche in Sudamerica: tra le opzioni a nostra disposizione, escludendo Argentina e Brasile, potevamo scegliere tra Colombia, Perù e Uruguay. La Colombia ci affascinava per il grande numero di idoli e fenomeni vari in squadra, il Perù per il suo essere un po’ la Cenerentola delle Sudamericane, ma alla fine la nostra scelta cadrà sull’Uruguay.

Perché? Perché la banda di mascalzoni del Maestro Oscar Washington Tabarez è probabilmente all’ultimo ballo, pronta a farsi rimpiazzare da una nuova generazione di ragazzi terribili. Per cui, non ci faremo scappare l’occasione di vedere il Pistolero, il Matador, il Flaco Godin e altri fantastici eroi dal sapore banditesco, giocare per l’ultima volta – probabilmente, visto che nel 2022 non saranno decrepiti- un Mondiale con la Celeste.

E poi, con questi qui in campo, le partite sono sempre molto frizzanti.