Le 5 sorprese delle semifinali di ritorno di Champions (e 5 previsioni per la Finale) Le 5 sorprese delle semifinali di ritorno di Champions (e 5 previsioni per la Finale)
Le semifinali di Champions League sono ormai nel cassetto dei ricordi: le quattro partite hanno dato il tanto atteso verdetto. A sfidarsi nella finale... Le 5 sorprese delle semifinali di ritorno di Champions (e 5 previsioni per la Finale)

Le semifinali di Champions League sono ormai nel cassetto dei ricordi: le quattro partite hanno dato il tanto atteso verdetto.

A sfidarsi nella finale di Cardiff, il 3 giugno, saranno la Juventus e il Real Madrid, che ieri sera è uscito sconfitto, ma qualificato, dalla battaglia del Calderon e ha raggiunto i bianconeri.

Ora, ci aspettano 20 giorni di fuoco, di avvicinamento al grande appuntamento. Ma, prima di scoprire e di puntare sui vincitori della Coppa dalle Grandi Orecchie, guardiamoci un attimo indietro.

Anche nelle due semifinali di ritorno, nonostante tutto, c’è stato qualcosa che ci ha sorpreso. Nello specifico, ci sono state, anche in queste altre due partite, cinque cose che proprio non ci saremmo aspettati e sulle quali non avremmo scommesso.




1 – Abbiamo scoperto che è possibile segnare alla Juventus

Il gol di Mbappé ha interrotto la striscia di imbattibilità in Champions di Gigi Buffon, che durava da più di 600 minuti e stava per arrivare a 700.

La rete del Monaco non ha portato pericoli alla qualificazione della Juventus, ma ha messo fine al record di Gigi. Per la gioia dei coraggiosi che avevano giocato GOAL.

2 – Glik non si è fatto espellere, pur avendoci provato in ogni modo

La camminata del difensore polacco sul ginocchio di Gonzalo Higuain ha acceso gli animi, rischiando di far degenerare la partita nel finale.

Ma, nonostante tutto, non è arrivato il cartellino, che forse Glik avrebbe meritato. E chi aveva puntato sull’espulsione è rimasto deluso.

3 – L’Atletico Madrid ha sognato la rimonta per 40′

Alzi la mano chi si aspettava che l’Atletico potesse rimettere in discussione la qualificazione. Noi, onestamente, pensavamo che avrebbero lottato, ma che non sarebbero riusciti a spaventare il Real. Eppure, sul 2-0 dopo venti minuti, i Colchoneros avevano rimesso tutto in equilibrio, facendo sognare la clamorosa impresa a un Vicente Calderon in cui si respirava un’atmosfera da leggenda.

Il gol di Isco ha gelato tutto, ma i primi 40 minuti della partita dell’Atletico rimarranno come una straordinaria prova di orgoglio.

4 – Cristiano Ronaldo non ha segnato

E questa è già una notizia, visto che tutti gli ultimi gol del Real Madrid, o quasi, nella fase ad eliminazione diretta, li aveva segnati il portoghese.

Chi aveva puntato su di lui come marcatore è rimasto deluso. Ma, in nome del passato, forse perdonerà il “povero” CR7.

5 – Ha segnato Mario Mandzukic

Ormai siamo talmente abituati a vederlo in versione terzino, che ci siamo forse dimenticati che Mario Mandzukic è un attaccante, anche di quelli pesanti. E il primo gol è arrivato proprio dal piede del croato, che poi è corso a farsi abbracciare dalla sua gente.

Ripagata così la fiducia di chi aveva puntato su Marione come primo marcatore. Per affetto più che per probabilità, visto che non era tra gli indiziati principali…

Ma, come successo la settimana scorsa, abbiamo già delle sensazioni per la finale di Cardiff. Ecco almeno cinque cose che, secondo noi, succederanno nell’appuntamento del 3 giugno.




1 – La Juventus giocherà con la maglia bianconera

Piccola nota scaramantica per i tifosi bianconeri che speravano di giocare in blu, visti i nefasti precedenti con la maglia tradizionale (le ultime 3 finali perse dalla Juventus, infatti, sono arrivate con la maglia bianconera, l’ultima vittoria, nel 1996, con la maglia azzurra).

A Cardiff, visto che la Juventus giocherà “in casa” è probabile che sarà il Real a giocare con la seconda divisa, a meno di imprevisti…

2 – Chi vincerà la Coppa vincerà anche il Pallone d’Oro

È vero, ci sono tante, troppe variabili in gioco. E, in questi ultimi anni, la tendenza di chi vota al Pallone d’Oro è di votare il miglior giocatore in assoluto piuttosto che il migliore della stagione. Ma lo si avverte chiaramente nell’aria: chi vincerà la finale di Cardiff, vincerà anche il Pallone d’Oro.

Soprattutto perché sono in tanti a voler premiare, anche simbolicamente, un Gigi Buffon che sembra stia vivendo una seconda (o anche terza…) giovinezza.

3 – Sarà una partita da “under”

Vero, il Real Madrid segna molto e la sua difesa non è proprio irreprensibile. Ma le finali sono partite diverse, in cui la posta in palio condiziona pesantemente le squadre.

Per cui, ci aspettiamo una partita bloccata, una vera e propria guerra di nervi. Ed entrambe hanno dimostrato di avere la solidità mentale di poterla reggere, una battaglia del genere.

4 – Sarà una partita speciale per Alvaro Morata

L’attaccante spagnolo è l’ultimo giocatore della Juventus ad aver segnato in finale di Champions: ma il suo gol al Barcellona, nel 2015, è servito solamente ad alimentare i sogni bianconeri per 15 minuti.

Oggi, invece, Alvaro è tornato al Real, dove però fa panchina a un Benzema quasi intoccabile: e se fosse proprio lui l’uomo scelto dal destino per marchiare questa finale? Se ve la sentite, e se credete nel Fato, potreste scegliere lui come ultimo marcatore…

5 – La coppa la alzerà…

No, questo non ve lo diciamo. Anche perché, come è successo spesso, tra qualche giorno potrebbe arrivare in redazione una VHS con sopra una certa partita…

Nel frattempo, per prepararvi alla finale del 3 giugno, potete studiare le quote Better per Juventus-Real Madrid qui.

Related Posts

Cavani ha ottime ragioni per voler tirare i rigori del PSG

2017-09-20 08:40:17
delinquentidelpallone

18

Il super gol di Ricardo Quaresma contro il Konyaspor

2017-09-18 21:10:09
delinquentidelpallone

18

Mertens spiega perché non ha lasciato il rigore ad Hamsik

2017-09-17 16:10:00
delinquentidelpallone

18

Barcellona: pessime notizie per Dembelé!

2017-09-17 10:13:29
delinquentidelpallone

18

Benevento, un punto maledetto che non vuol saperne di arrivare

2017-09-10 18:35:22
delinquentidelpallone

18

Federico Valverde, speranza Celeste

2017-09-08 08:22:04
delinquentidelpallone

18

Eurobasket 2017: il tabellone degli ottavi di finale

2017-09-07 19:52:39
delinquentidelpallone

18

Sudamerica: guai grossi per Argentina e Cile

2017-09-06 08:13:18
delinquentidelpallone

18